Euroleague: i 5 migliori free agent NBA adatti per l’Europa

328
Delaney

La Summer League ha dato indicazioni a tanti general manager europei per provare a piazzare il colpo gobbo e trovare il nuovo talento che possa far svoltare la stagione e poi c’è chi come l’Auxilium Torino di coach Larry Brown, è andata a prendere un vero NBAer (non con minutaggio incredibile) come McAdoo.
Andiamo ad analizzare quali sono i migliori nomi che potrebbero fare comodo.

 

5- Ty Lawson

Sarebbe un nome più suggestivo che realmente improntato a dare un cambio di rotta. Prima di tutta la sequela di problemi fuori dal campo, Lawson era un giocatore da NBA, quella vera con prestazioni importanti e soprattutto minutaggi costanti ed efficaci. Ora sembra più un voler sparare sulla croce rossa, ma per portare un pò di hype e sperando che gli torni la voglia di giocare per davvero, potrebbe essere una scelta intrigante.

4- Tyler Ennis

Nel 2016/17 ha giocato una stagione notevole, ma nella scorsa i soli 4,1 punti e l’1,9 assists a partita lo hanno riportato sulla terra.
Si dice che le sue offerte NBA siano molto limitate e quindi diventa possibile vederlo in campo in Europa, dove all’età di 23 anni e con indubbie qualità tecniche, potrebbe davvero fare comodo a molte squadre per trovare la chiave di volta della stagione.

3- Shane Larkin

L’ex giocatore di Vitoria e dei Boston Celtics è già stato accostato a qualche squadra europea in questi giorni e non è da escludere che un suo eventuale ritorno nel vecchio continente riguardi proprio i baschi.
Nell’ultima stagione ha mostrato di avere carte in regola perlomeno per entrare in rotazione NBA, disputando buone partite per Brad Stevens ai Celtics. Avendo già dimostrato il valore in Spagna qualche anno fa, il suo adattamento dovrebbe essere meno traumatico e potrebbe portare dividendi immediati alla squadra che lo fimerà.

2- Luke Babitt

Maccabi Tel Aviv e Barcellona lo hanno già messo nel mirino, come riportato da Sportando qualche giorno fa. Anche per lui l’Europa non è ambiente completamente nuovo perchè nel 2013-14 giocò con il Nizhny Novgorod e le sue capacità di tiratore possono aprire anche le difese europee. Potrebbe essere un colpo molto intrigante anche per delle top team europee e di certo sarebbe uno dei giocatori che potenzialmente meglio si adatterebbero al basket di Eurolega.

1- Malcom Delaney

Ha già condotto il Lokomotiv Kuban da leader a una Final Four assieme a Anthony Randolph e l’Efes Pilsen gli ha messo sul tavolo un contratto da 2.2 milioni di dollari per cambiarne l’attacco.
Il giocatore glissa perchè ritiene di valere ancora l’NBA ritenendola la sua prima opzione con il rischio che se poi dovesse naufragare, la proposta dell’Efes potrebbe essere andata nelle tasche di qualcun altro. Il suo valore anche europeo è ben ricordato da tutti e per questo potrebbe trovarsi davanti a una decisione definitiva molto presto.