Abass: Oggi siamo stati davvero tosti, la chiave è giocare duri e non aver paura

156
Fonte: sito Basket Brescia Leonessa

Al termine di una partita tiratissima vinta da Brescia 70-64 abbiamo intervistato De Raffaele, Cotelli e Abass

Walter De Raffaele, coach della Reyer Venezia

Una partita da parte nostra giocata per 35 minuti con grande attenzione e solidità, non una bella partita, ma una vera battaglia. Poi per 3 minuti abbiamo smarrito ogni attenzione alle nostre cose perdendo troppi palloni.
La partita era in mano nostra, senza voler togliere nulla a Brescia, ma non possiamo permetterci 22 palle perse fuori casa. La difesa di Brescia ha forzato alcune di queste palle perse ma dobbiamo prenderci le nostre responsabilità. Dobbiamo rimboccarci le maniche, sconfitta che brucia.

Matteo Cotelli, assistant coach della Leonessa

I nostri giocatori hanno una grande voglia di vincere e lo hanno dimostrato ancora una volta. La vittoria è arrivata grazie agli attributi dei giocatori, che hanno fatto uno sforzo enorme per restare a contatto con gli avversari e hanno speso ogni goccia di energia, conquistando il successo nonostante le rotazioni accorciate.
Enzo (Esposito, ndr) chiede sempre di restare attaccati agli avversari nel punteggio, anche quando le cose non funzionano, perché le partite cambiano, la tensione aumenta e il ritmo della partita si può stravolgere. Alla fine, è ciò che è successo quando abbiamo fatto il parziale decisivo che ci ha permesso di vincere la gara. Il terzo posto alla fine del girone d’andata? È un risultato clamoroso, soprattutto in una stagione in cui il livello del campionato si è alzato. Ora però non c’è tanto tempo per pensarci, perché vogliamo farci trovare pronti per affrontare bel modo migliore le Top 16 di EuroCup. Silins verrà rivalutato lunedì ma tenderei ad escludere che verrà recuperato per la gara di martedì in Eurocup.

Awudu Abass, MVP della serata

Le cose stanno andando bene, mi sono impegnato molto durante l’estate per cercare di fare un campionato migliore. La società ha formato una bella squadra, fatta di uomini veri e bravi giocatori. Abbiamo dimostrato che anche quando le cose vanno male stiamo vicini, siamo uniti, facciamo andare la testa. Oggi non mi sentivo in gran forma, ho fatto tanti errori soprattutto in difesa ma poi ho cercato di far andare la testa e la partita è andata bene. Tutto è partito da una mia palla recuperata, da li è uscita quella cattiveria agonistica che raramente si vede.
Oggi siamo stati molto tosti, la chiave è giocare duri e non aver paura, continuare nonostante gli errori e rimanere uniti.