Analytics: i numeri delle prime sei giornate di Eurolega

64

Le prime sei giornate di Eurolega sono andate in porto e, come per il campionato, è arrivato il momento di tirare un po’ di somme. Per farlo accorrono in nostro soccorso le analytics forniteci, come sempre, da Instat. Ecco riportate di seguito, allora, alcune delle statistiche più interessanti che la massima competizione europea ci ha fornito fino ad oggi.

La prima particolarità che salta all’occhio riguarda una delle sorprese di questo inizio di stagione: il Baskonia. La squadra di Vitoria, infatti, è prima per punti segnati in tutta l’Eurolega su 100 possessi (90.83), ma allo stesso tempo è anche la squadra che subisce più punti rispetto a tutte le altre (85.50). I ragazzi di Penarroya, inoltre, sono primi nella percentuale di canestri da due punti (60.1%), e secondi in quella da tre punti (40.3%), dietro al solo Partizan. Insomma, l’attacco degli spagnoli si può di certo definire straripante, e sicuramente gran parte del merito è di Markus Howard. L’ex Nuggets, difatti, è primo in numero di triple segnate di media (3.8 a gara) e quarto miglior realizzatore di tutta l’Eurolega (19.00 punti di media su 100 possessi).

L’altra società che, senza ombra di dubbio, ha dimostrato di essere una delle migliori in questo avvio è il Fenerbahce. La squadra di Itoudis è prima per +/- in tutta l’Eurolega (9.7), ma soprattutto è la miglior difesa della competizione, con soli 72.17 punti subiti su 100 possessi. I turchi sono la formazione che più conclude a canestro con il proprio roller nei pick n’roll (12% dei propri canestri), merito della bravura negli assist di giocatori come Calathes (5.8 di media) ma anche delle capacità di realizzazione di Motley. Il centro, non a caso, è il giocatore che segna più canestri da due punti in Eurolega (5.8) ed è terzo per +/- complessivo (62.0). Al primo posto un suo compagno di squadra, Scottie Wilbekin (75.0).

Continuando il nostro filone di sorprese, è obbligatorio parlare dell’Alba Berlino. I tedeschi sono addirittura primi in Eurolega per assist (25.3), a dimostrazione della qualità del loro gioco. Terzi in percentuale da tre (39.4%), sono primi anche per punti segnati in transizione (11.3 di media) e per la percentuale al tiro concessa agli avversari (solo 41.7%).

In difesa, da evidenziare sono le statistiche del Barca. La squadra di Jasikevicius, infatti, è prima in diverse categorie: percentuale da tre degli avversari (31.4%), punti nel pitturato avversari (27.00), assist avversari (13.7) e percentuali al tiro contestato (39.4%). Gli spagnoli, inoltre, sono anche la squadra che più di tutte in Eurolega realizza canestri da post up (il 15% del totale).

Le altre due squadre che sono partite meglio, in questo inizio, corrispondono rispettivamente all’Olympiacos e al Monaco. I greci sono primi in percentuale di tiri liberi segnati (86.3%), secondi in assist (21.00 di media) e terzi nelle percentuali da due punti (57.6%). I monegaschi, invece, sono la migliore squadra dell’Eurolega nei punti su secondi tentativo (11.17) e hanno il miglior scorer della competizione: Mike James, 21.33 punti su 100 possessi. Da sottolineare anche l’ottimo avvio di Vezenkov, primo per canestri segnati (8.0 di media) e nei tiri contestati (6.8).

Passiamo ora alle nostre italiane, che in attacco stanno faticando più del dovuto. L’Olimpia è 16esima nelle percentuali al tiro (42.6%), la Virtus 14esima (45.2%). La squadra di Scariolo è penultima in tutta l’Eurolega al tiro da tre (31.5%), Milano terzultima al tiro da due (46.5%). In compenso, l’Armani è seconda in percentuali al tiro non contestato (48.5%) e la terza miglior difesa di Eurolega (75.83 subiti di media). Bologna, invece, si situa al secondo posto in percentuali concesse agli avversari da 3 (33.6%) e quarta in assist degli avversari (16.2 di media). Decisamente da migliorare, per le Vu nere, il dato delle palle perse: seconda peggiore squadra della competizione con 15.17 perse di media.