Analytics: Olimpia Milano-Virtus Bologna in numeri, chi vince?

183
Olimpia Milano-Virtus Bologna

E’ il giorno di Olimpia Milano-Virtus Bologna. Una riedizione delle ultime due finali di Legabasket, ma che questa sera avrà un sapore diverso, quel gusto di Eurolega che, per un derby, l’Italia non provava da tanto tempo. Non ci sarà un trofeo in palio, non sarà una serie al meglio delle 7 partite e non definirà granchè sulla stagione dell’una e dell’altra, ma non può essere una partita come quella con il Real Madrid o il Barcellona, nonostante le parole di Messina dopo il match con il Real.
La retorica del match si crea da sola, così come le varie interpretazioni di una serata comunque storica per il basket italiano.
Noi, a costo di sembrare senza sentimenti, andiamo ad analizzare i numeri di questa sfida, chi fa meglio, dove e quali punti di debolezza dell’avversario deve sfruttare.

 

Offensive rating: Olimpia 89.59, Virtus 88.01
Se le premesse verranno rispettate sarà una partita più ai 70 che ai 90. Nessuna delle due squadre ha impressionato per qualità offensiva, ma paragonare le bocche da fuoco è necessario. Se è vero che l’Olimpia ha praticamente sempre giocato senza Shavon Shields, il suo miglior giocatore, è anche vero che non è mai stata in grado di innescare con continuità i suoi tanti altri terminali. La Virtus, a livello di alta Eurolega, ha meno talento puro a roster però ha dimostrato a Madrid che questo può esplodere e fare malissimo, ma anche implodere come contro Asvel e Zalgiris e diventare un grande limite.

 

Percentuali scabrose: Olimpia 46.5% da 2 (terzultima in Eurolega), Virtus 31.5% da 3 (penultima)
Abbiamo detto che gli attacchi non girano e il fatto che le due squadre siano bottom five nelle percentuali dal campo lo spiega, assieme al fatto che entrambe, in quella dove sono migliori, si affacciano a malapena in top10 (Milano 9° da tre punti e Virtus 10° da due). Probabile non sarà esattamente un match tra Warriors e Grizzlies.

 

Defensive rating: Olimpia 91.17, Virtus 96.96
L’identità difensiva dell’Olimpia è andata molto a sprazzi. Si è vista fin qui una squadra molto meno connessa e armonica in difesa, forse anche per le difficoltà fisiche di alcuni uomini cardine o anche per le tante novità. La Virtus invece ha qualche problemino in più nella gestione dei quintetti offensivi e difensivi, tanto che il più penalizzato da questo è Marco Belinelli, il cui spazio in Europa è davvero ridotto all’osso. Probabilmente chi difenderà meglio vincerà la partita.