L’Aquila si rialza con Reggio, Hogue: “Lottare sempre”

152
Aquila

Ultimo posto in classifica, due sconfitte consecutive con relativa eliminazione in Eurocup, è una Trentino Energia che torna tra le mura amiche in emergenza di fiducia e risultati. Classifica che però non sorride nemmeno ai romagnoli della Grissin Bon, penultimi in classifica ed alla ricerca di punti importanti sia per dare continuità al suo percorso di crescita che per provare a raggiungere la qualificazione alla prossima coppa Italia.

Hogue e compagni partono fortissimo con un parziale di 9-0 ma i biancorossi non si scompongono e tengono botta con i canestri di Cervi e Aguilar. Il primo quarto molto equilibrato finisce con il più uno Trento, 20-19. Il secondo è tutto nel segno di Craft che segna, fa segnare e prende rimbalzi, Pascolo ringrazia e raccoglie quanto seminato dall’ex Ohio, da segnalalare anche un eccellente solidità difensiva di Fabio Mian che con 4 palle rubate non fa rimpiangere l’assenza comunque importante di Diego Flaccadori. I bianconeri arrivano a metà match in vantaggio 38-33 contro una comunque ottima Grissin Bon che è riuscita a trovare soluzioni efficaci con tutti i suoi giocatori di punta.

Nel terzo periodo la musica cambia e le difese sia sulla sponda trentina che su quella emiliana la fanno da padrona, entrambe le squadre faticano a trovare fluidità e canestri con il gioco che viene interrotto da falli sistematici pur di evitare soluzioni facili da parte dell’avversario.
L’Aquila riesce a concludere un quarto molto travagliato in vantaggio di quattro lunghezze grazie alla tenacia difensiva e offensiva del suo centro Dustin Hogue. Ma gli uomini di Devis Cagnardi non mollano nemmeno nell’ultimo quarto e soprattutto grazie alla loro difesa rimangono in scia rispondendo alle incursioni del solito Hogue e di un ridestato Devyn Marble. Ma proprio nel momento in cui la partita sembrava volgere a favore degli ospiti, Mussini e compagni non riescono più a trovare Cervi e Aguilar che fino a quel momento avevano creato grandi problemi alla difesa di Maurizo Buscaglia. Rivers non basta per sorreggere tutto il peso dell’attacco Emiliano e così la Dolomiti Energia raccoglie una vittoria tanto sofferta quanto preziosa per la classifica.

 

Fonte aquilabasket.it

Non può che essere D.Hogue l’MVP della serata che ci ha raggiunto per una breve intervista:

Per noi era molto importante vincere oggi, ce l’abbiamo fatta e siamo contenti. Per me l’unico modo di giocare possibile prevede aggressività e fisicità, non importa se gioco contro un centro di due metri e dieci, io devo dare tutto. Spesso capita che siamo una squadra undersize in molti ruoli, ma il nostro obiettivo deve rimanere quello di lottare su ogni pallone.

Fonte aquilabasket.it

Un altro grande protagonista di questa partita è stato il play Aaron Craft che ha commentato così la prestazione della sua squadra:

Era cruciale vincere questa sera dopo alcune sconfitte anche molto dure da digerire. Ci siamo riusciti e possiamo guardare avanti con un pò più di positività. Il mio compito è quello di creare situazioni per me e per i compagni, ma oggi altri hanno fatto le giocate decisive nei momenti chiave come Toto con una grande difesa. Ora abbiamo bisogno di vincere qualche partita in fila e penso che possiamo riuscirci per prendere fiducia e provare a risalire la china.

 

Fonte reggiosera.it

Per la Grissin Bon rimane comunque una gara persa ma ben giocata e proprio su questo punto abbiamo chiesto cosa ne pensasse il suo centro Riccardo Cervi:

Dobbiamo uscire a testa alta perché abbiamo comunque  lavorato bene sia qui a Trento che in allenamento, siamo riusciti a tenere bene i loro giocatori migliori ma non siamo stati costanti nel farlo concedendo a loro dei parziali che si sono rivelati decisivi. Sia in attacco che in difesa abbiamo comunque margini di miglioramento, possiamo fare meglio di così,dobbiamo capire che gli attacchi e le difese avversarie si aggiustano durante la partita e noi dobbiamo essere pronti a leggere questi cambiamenti e adeguarci di conseguenza.