Avellino sbanca Brescia, Zerini:“Troppo soft nella ripresa”

123
Brescia-Avellino , Flickr Leonessa
Sfida delle grandi occasioni al Palaleonessa: la Germani affronta la Sidigas Avellino, entrambe le squadre vengono da due vittorie in coppa, rispettivamente in Eurocup ed in Champions League.
Diana recupera Vitali e sceglie di dar subito fiducia a Beverly vista la buona prova contro la Stella Rossa. Iniziano forte i padroni di casa che sembrano voler ricominciare dalla fantastica serata di Eurocup e con un Vitali completamente recuperato. Avellino trova punti da un Costello dominante sotto le plance  mentre gli esterni faticano a trovare la via del canestro grazie anche alla buona difesa della Leonessa. Nel secondo quarto Brescia prende il largo grazie anche alle triple di Allen e Sacchetti, ma la vera notizia è che Mika sembra essersi sbloccato, o comunque sceso in campo con un atteggiamento più positivo rispetto alle ultime uscite. Gli Irpini però non mollano e riescono a colmare in parte lo svantaggio grazie soprattutto alle sfuriate offensive e al talento della stella Norris Cole. Si va all’intervallo sul punteggio di 39-34.
Alla ripresa la Sidigas trova buone soluzioni offensive schierando contemporaneamente in campo i due play Filloy e Cole, mentre la Germani fatica a costruire buoni tiri e subisce il sorpasso. Nel quarto quarto Avellino continua ad avere una buona fluidità in attacco e pur senza tirare con percentuali irreali riescono a mantenere il vantaggio. Nel finale Brescia lotta, una tripla con fallo di Moss riaccende le speranze dei padroni di casa ma non basta, Avellino rimane lucida fino alla fine e vince 74-77.
Andrea Zerini , Flickr Leonessa

Andrea Zerini visibilmente deluso per la sua prestazione e per quella della squadra

Sapevamo che Avellino sarebbe venuta qua per vincere, nel primo tempo abbiamo giocato bene, ma poi siamo rientrati in campo troppo mosci e poco concentrati, andava chiusa prima, non sono contento della mia prestazione, non sono riuscito a dare il 100%. Sul finale la partita si è decisa su tanti piccoli episodi, è una sconfitta che brucia tantissimo.

Nenad Vučinić coach della Sidigas Avellino

Vittoria molto importante per noi, è stata una gara molto dura soprattutto perché Brescia aveva bisogno di vincere. Voglio ringraziare i miei giocatori, abbiamo lavorato molto bene a rimbalzo nel secondo tempo, è un segno incoraggiante aver vinto nonostante il fatto che non siamo riusciti a tirare con buone percentuali.

Andrea  Diana decisamente arrabbiato

Tenere Avellino al nostro ritmo era il nostro obiettivo, tenerli a punteggio basso era era nel nostro piano partita e nel primo tempo ci siamo riusciti. Poi nel secondo tempo il loro talento è venuto fuori ma per come avevamo impostato la gara non dovevamo arrivare gli ultimi minuti a rincorrere punto a punto, soprattutto perchè Avellino non ha fatto una gara da 90 punti come è loro abitudine. La nostra disciplina offensiva è stata di basso livello non abbiamo concretizzato i vantaggi che avevamo e non ci siamo imposti a livello fisico.