BCL: Squillo finale Sassari, si arrende il Bamberg “sperimentale”, le pagelle

184
Sassari
Foto da Facebook Dinamo Sassari

Nel recupero del girone L, utile per assegnare il primo posto (conquistato dal Nymburk), Sassari vince la sfida tra le cenerentole sconfiggendo un Bamberg molto rimaneggiato 83-72. I bavaresi si presentano sull’isola con i soli Lockhart, Hundt e Thompson effettivamente ruotati, dando spazio a molti giovani in rampa di lancio. La Dinamo sfrutta l’occasione per guadagnare fiducia innanzitutto vincendo (secondo successo post-covid dopo quello contro Cremona) e facendo le prove generali in vista della delicata trasferta a Treviso di domenica. Miglior realizzatore del match è Bendzius a quota 22.

Banco di Sardegna Sassari

M. Spissu 6.5: torna lentamente a regime, anche se le percentuali non crescono di pari passo. Buona la regia con 5 assist.

M. Bilan 6: appena 11 minuti sul parquet affrontati con leggerezza.

K. Treier 6.5: un’altra serata utile a guadagnare ottimismo e fiducia, sarà arma fondamentale nel tour de force del mese di aprile.

M. Chessa 6: meno brillante rispetto alle ultime partite, poco utilizzato.

F. Kruslin 7: manca sempre qualcosa alla perfezione (4 perse), comunque è il miglior piccolo della squadra: preciso al tiro e altruista coi compagni.

E. Happ 7: pochi minuti contro Thompson, bravo negli scarichi sul perimetro. Contro Seric è praticamente accademia, ma non concretizza ai liberi.

T. Katic 6: non è la serata delle grandi responsabilità, rimedia agli sbagli.

M. Re sv: giro in giostra nel finale senza trovare spazio per concludere.

J. Burnell 7.5: faccia cattiva in positivo, 12 rimbalzi sul tabellino in un match dove si spende come se fosse una finale.

E. Bendzius 7.5: si conferma il miglior elemento della Dinamo alternando con la solita sapienza gioco esterno e in pitturato.

L. Gandini 6: mette tanta energia contro Thompson, che però lo mangia.

S. Gentile 6: monetina mangiata dalla macchinetta, zero recriminazione.

Brose Bamberg

E. Baggette 7: debutta in Europa con sfacciataggine il classe 2002 dei bavaresi, approfittando di uno Spissu ballerino in difesa. Non sfigura affatto.

D. Lockhart 5.5: tira i remi in barca con mezza squadra rimasta in Baviera.

A. Ruoff 6.5: ottima prestazione in regia, meno al tiro. Rivedibile in difesa.

M. Plescher 7: non ha paura a prendersi le conclusioni e dopo un’iniziale appannamento sistema le percentuali.

M. Seric 7.5: affronta sia Bilan che Happ, lotta e combatte senza alcun timore reverenziale. Straccia Thompson nel duello interno, in difesa fa quel che può.

K. Ogbe 6.5: arma offensiva per una notte, anche se solo in lunetta.

S. Thompson 6: difende bene i tabelloni tuttavia si conferma troppo grezzo.

M. Vitali: n.e.

B. Hundt 7: rispetto all’andata è molto più pungente dall’arco, lascia a Ruoff l’incarico di play giostrando da point-guard.

J. Bacoul 6.5: tanta energia e anche tanti errori. Tutta esperienza.