BCL: Sassari vince sul PAOK e tiene vive le speranze playoff, le pagelle

142

La Dinamo è chiamata a bettere il PAOK stasera per avere ancora una possibilità di arrivare al terzo posto. In caso di sconfitta, la squadra di Bucchi sarà ufficialmente fuori dalla competizione. Allo stesso tempo, la squadra di Salonicco vuole definitivamente distanziare gli italiani per avere almeno la certezza di raggiungere i play-in.

Sassari scende in campo con il piglio giusto e tutta la voglia di ottenere i due punti. In difesa, gli uomini di Bucchi chiudono bene l’area e impediscono un’agile costruzione di gioco degli avversari sugli esterni. In attacco, la Dinamo trova risposte molto positive sia dal quintetto titolare che dalla panchina, con un Gentile in grande spolvero. Il PAOK soffre molto i troppi palloni persi e le squadre vanno così negli spogliatoi sul 40-30.

Nel terzo quarto, Sassari sembra inizialmente non voler cambiare copione alla gara e si porta addirittura sul +14. I greci, dall’altro lato, non si arrendando e rientrano grazie alle percentuali al tiro da tre fino al -6. Nell’ultimo parziale di gioco, la Dinamo vive il momento di maggiore difficoltà della sua gara e il PAOK rientra fino al -1. Sassari è brava a mantenere il sangue freddo e riallunga le distanze grazie ai canestri di Bendzius, ma ancora una volta gli avversari si riportano sul -1 a mezzo minuto dal termine. Nei secondi finali, la Dinamo rischia di fare la frittata e quasi perde il pallone nell’ultimo possesso, ma fortunatamente arriva il fallo dei greci che manda Kruslin in lunetta. L’ex Cedevita fa 1/2 e dall’altro lato la tripla sbagliata di Hands chiude il sipario sulla gara. Sassari sopravvive così a un finale thriller e mantiene vive le speranze per un posto playoff. Risultato finale 82-78.

 

Dinamo Sassari

Jones 6: inizia la gara da migliore in campo, ma nell’ultimo quarto commette degli errori che sarebbero potuti costare caro alla Dinamo.

Robinson 7: partita senza fuochi d’artificio ma composta e precisa per Robinson, che chiude col 50% dal campo e 6 assist.

Kruslin 5: decisamente il più negativo in campo per Sassari, continua a non segnare da fuori e si perde in giocate non sue.

Gandini ne

Devecchi ne

Treier 6: rimane in campo pochi minuti ed è evidente che debba ancora recuperare del tutto, ma mostra buona fisicità e segna anche una tripla.

Chessa ne

Stephens 7: gioca la sua miglior prestazione in maglia Dinamo fin qui, anche se può e deve ancora migliorare su alcune decisioni. Chiude con un bel 15+10.

Bendzius 7.5: dimostra di avere il ghiaccio nelle vene con un paio di canestri fondamentali nell’ultimo quarto, ma in generale sta trascorrendo un ottimo momento di forma.

Gentile 6.5: inizia la gara dando una scossa decisa dalla panchina, non tanto con i canestri ma in tutto il resto, poi abbassa le marce. Difficile chiedergli più di questo.

Diop 5.5: un po’ troppo scomposto, tanto che il tabellino recita 4 falli in 9 minuti di gioco.

Nikolic 6.5: continua a non trovare la via del canestro, ma rispetto a Kruslin si rende decisamente più utile nella gestione dell’attacco e produce 7 assist.

 

PAOK 

Franke 4.5: serata disastrosa al tiro, e quando prova ad penetrare l’area avversaria è molto confusionario.

Riley 6.5: tiene in vita a suon di canestri la sua squadra sia nel primo tempo che nell’ultimo quarto, poi guarda il finale dalla panchina a causa dei falli.

Tsiakmas sv

Hands 6: sicuramente il fiuto del canestro gli appartiene, ma si intestardisce un po’ troppo nel cercare la soluzione personale e più volte sbatte contro la difesa Dinamo.

Margaritis 5: non trova le sue soluzioni in post e ha anche lui problemi di falli.

Polley 6.5: nel terzo quarto suona la carica per il PAOK a suon di triple, e in generale gioca un’ottima gara in uscita dalla panchina.

Slaftakis 5: in difesa è concentrato, ma dall’altra parte del campo è troppo neutro per avere a disposizione molti minuti.

Christidis 5: la sua presenza in campo a tratti non si nota e chiude con il peggior plus/minus dopo quello di Franke.

Kamperidis ne

Saloustros 5.5: fa valere la sua fisicità, cattura ben 10 rimbalzi e recupera anche due palloni, ma in attacco è spento.

Sarikopoulos ne

Renfro 5.5: sicuramente meglio rispetto ai suoi compagni di reparto, anche se si ritrova qualche volta di troppo in mezzo ai pick n’roll che coinvolgono Stephens e va in difficoltà.