Brindisi vince la gara dei parziali e vola in semifinale

193

Per i quarti di finale di coppa Italia va in scena un “derby del sud” di alto livello e a scendere in campo sono la sidigas Avellino e la happy casa Brindisi.
La squadra di Vitucci è in grande spolvero e parte con i favori del pronostico ma Avellino questa stagione ha dimostrato di essere una squadra molto solida.

L’inizio di partita è tutto nel segno di Brindisi e di John Brown, la circolazione di palla è ottima segno di una squadra in grande stato di forma ed infatti pugliesi segnano ad ogni alzata di braccio con Avellino che si ritrova in men che non si dica sotto di 16 punti.
Il secondo quarto però è tutta altra storia con la difesa di Filloy e Brown che comincia a lasciare il segno e permette agli irpini di recuperare 9 punti di svantaggio con un quarto da 28-19 a favore dei biancoverdi. Nel terzo quarto i campani continuano a mantenere una grande difesa non solo grazie al lavoro del sempre trascinante Filloy che da solo firma un incredibile parziale di 8-0 ma con un egregio spirito di sacrificio di tutti gli effettivi. Il talento offensivo del duo Banks e Brown tiene a galla i biancoblù nonostante un Avellino straripante in attacco che sembra aver saldamente in mano le redini della gara grazie ad un ispiratissimo Sykes.


La gara sembra ormai indirizzata a favore dei ragazzi di Nenad Vucinic grazie ad un terzo quarto da 40 punti, ma Brindisi nell’ultimo quarto reagisce da grande squadra con un contro parziale di 23-7 lanciato da Walker ma sopratutto da un caldissimo Rush che piazza i suoi punti nel momento più importante della partita. Le energie di Avellino cominciano a venire meno proprio nelle battute finali mentre l’esperienza e la classe e l’esperienza di Banks permettono con un gioco da tre punti di siglare un sorprendente sorpasso (87-88), la partita si fa fisica, dura, combattutissima, Ndiaye segna da una parte ed un freddissimo Chappell risponde in lunetta dall’altra. A 13 secondi dalla fine Vucinic disegna uno schema che però non porta al canestro di Sykes e così Moraschini e compagni volano in semifinale dove incontreranno Sassari reduce da una sorprendente vittoria contro Venezia.