Bulgheroni: “Certezza delle regole, il nuovo orizzonte” (Werther Pedrazzi)

1021
Bulgheroni
Grafica di H3mlock

Chi attribuisce alla crisi i propri fallimenti e disagi,

inibisce il proprio talento e dà più valore ai problemi che alle soluzioni.

La vera crisi è l’incompetenza.

(Albert Einstein)



Continuando il viaggio verso un nuovo orizzonte del nostro basket…
Virtuale, il viaggio, si sa, chiusi come siamo e restiamo tra quattro mura, che basta Wikipedia per spingerci e andare un poco più in là…

Ma, a basket, lui, ci ha giocato?

Hai voglia… In serie A, soprattutto con Varese ma anche con la All’Onestà, avete presente quando a Milano anche il basket aveva il derby? Ha pure vinto tanto, a Varese, una Coppa dei Campioni (1970), 3 scudetti (1964, 1970, 1971). Più 2 volte la Coppa Italia (1970, 1971). E anche una Coppa Intercontinentale (1970).

Si, dai, direte, però non era da quintetto base?

Bella forza! Davanti c’era un signore che di nome faceva Aldo Ossola, capostipite, insieme al milanese Gianfranco Pieri, della stirpe dei playmaker italiani. Però, lui, era un uomo-squadra!

E il bello doveva ancora venire.

Da ex cestista a dirigente d’azienda, industriale illuminato.
Presidente e amministratore delegato di Lindt & Sprüngli Italia, consigliere di amministrazione di UBI Banca, di Autogrill SpA, de il Sole 24 Ore SpA, della Libera università internazionale degli studi sociali Guido Carli (Luiss) di Roma, dell’Università Cattaneo – LIUC di Castellanza e della Pallacanestro Varese. Cavaliere del lavoro, titolo conferitogli nel 2000 dall’allora presidente della Repubblica italiana Carlo Azeglio Ciampi.
Ma soprattutto: è uno dei tre saggi di Confindustria italiana!

MA PER IL BASKET, NO?
MAI?
Almeno non per quello delle Istituzioni, dei Palazzi, trasformati nell’accampamento dove bivaccano e si rifugiano quelli che temono il confronto con la competenza e la passione. Eppure… Qualcuno non ha forse definito la Lega come la Confindustria del basket? Che ridere. Fino alle lacrime. Amare.

Antonio Bulgheroni. Per tutto il basket, semplicemente “Toto”.