L’Olimpia apre bene, Kuzminskas: “Va tutto alla grande”

94

Battuta Brindisi per 103 ad 92 e mostrato a tutto il forum gli otto trofei dell’era Armani, compreso lo scudetto 2017/2018: parte con il botto la nuova Regular Season per gli uomini di Simone Pianigiani.

Stasera, però, i campioni d’Italia hanno fatto a meno di Jerrells e preferito Tarcewski per fronteggiare il solo Wojciechowski, tenendo a riposo Gudaitis in vista del debutto europeo di venerdì a Podgorica.
La formazione di Vitucci, invece, reduce da dieci vittorie su dieci in precampionato, si è presentata nella tana dei tricolori con il morale alle stelle.

Al via una partita che, se sulla carta poteva risultare impari sia per livello tecnico sia per il potenziale di entrambe le squadre; l’energia, la voglia e la corsa di Brindisi l’hanno trasformata in uno scontro meno scontato e molto interessante da guardare.
Tanti i punti. 25-24 a fine primo quarto per i padroni di casa con un buzzer beater di Chappell che accorcia ancora di più le distanze tra le due sfidanti. Continua il buon momento di Brindisi: movimenti senza palla, inserimenti e pioggia di triple.
C’è un buon apporto dalla panchina di Amedeo Della Valle (5 punti, 14 dopo 40′). All’Olimpia Milano, però, non bastano le giocate di un ispirato James (8 punti a fine primo tempo, 20 dopo 40′) e la fisicità di Tarczewski, perchè che finisce i primi 20′ sotto di uno.

Nuovo tempo, nuova Olimpia Milano. Funziona alla grande il tandem James-Tarczewski: i due hanno messo insieme complessivamente 30 punti. Un silente Micov (12 punti), le triple, i recuperi e le ripartenze di un Nedovic (10 punti) altisonante riportano i campioni di casa in vantaggio. Brindisi soffre tanto la velocità degli uomini in rosso che, una volta aver deciso di togliere il freno a mano, visto nel primo tempo, diventano veramente imprendibili.
La squadra ospite cerca di alzare i ritmi e creare gioco, ma la strapotenza di Milano è troppo, anche per l’entusiasmo brindisino.

Gli uomini di Vitucci, infatti, durano solo un tempo. Ed è proprio l’head coach degli sconfitti che parla ai microfoni di Backdoor Podcast:

Abbiamo pagato molto il terzo quarto. E questo, se sei contro una squadra così competitiva come l’Olimpia Milano, fuori casa, non puoi permettertelo. Loro hanno un secondo quintetto tanto forte quanto il primo, e non è da tutti. Oggi è stata veramente una partita difficile, e lo sapevamo. Ora cerchiamo di migliorarci, ripartendo dagli errori commessi questa sera e speriamo in una salvezza anticipata. Ci metteremo d’impegno, evitando di raggiungere questo obiettivo una giornata prima, come è successo l’anno scorso. Sono positivo, faremo una buona stagione ma è chiaro che non dobbiamo tararci su questa partita. Loro sono di un altro livello.

Onnipresente. Sia fuori che dentro il perimetro. 10 punti e un gran bel feeling con il nuovo compagno Mike James: Kaleb Tarczewski, contento della sua Olimpia, crede fortemente nella vittoria di questo campionato e, perché no, magari anche un bel piazzamento in Eurolega:

Tarczewski. Foto di Alessia Doniselli

Un buon modo per iniziare il campionato, è sempre bello vincere. Ci dà molta sicurezza prima di presentarci con questa nuova squadra in Eurolega. Rivincere il titolo? Credo che sia l’obbiettivo di tutte le squadre in Italia, o meglio nel mondo vincere il campionato. Dobbiamo solo pensare giorno dopo giorno. Ma sono fiducioso e consapevole del talento dei miei compagni. Sia dentro che fuori il parquet di gioco. Continuiamo ad allenarci e vediamo dove ci porterà a campionato finito.

Intensità, minuti e tiri (4/6), Kuzminskas è molto contento per questo avvio di stagione: dalla vittoria in Supercoppa italiana alla grande prestazione di stasera:

Kuzminskas.
Foto di Alessia Doniselli

La vittoria in Supercoppa ci ha fin da subito dimostrato che il nostro campionato sarà oltre le righe. Abbiamo giocatori fortissimi ed è molto importante per l’intesa di squadra. Da quello che vedo ora, sta andando tutto alla grande. Cose da migliorare da oggi? La difesa. Per il resto, ripartiamo veloci e i tanti punti sono garantiti. In attacco abbiamo davvero tanto tanto talento.