Champions League: le pagelle di Strasburgo-Dinamo Sassari

121
Dinamo
Foto da sito ufficiale Champions League.

Nel dodicesimo turno di Champions League la Dinamo Sassari è impegnata sul campo dello Strasburgo. Vittoria d’autorità dei sardi che controllano per tutto il match il punteggio e subiscono solo un parziale nel secondo quarto che rimette Strasburgo in partita, per il resto è un monologo.
Menzione d’onore per il deejay di Strasburgo che mixa dance con brani di Jamme Ja in modo a dir poco curioso, ma sembra più in ritmo di alcuni giocatori francesi.

Dinamo Sassari

Spissu 7: partita solida, composta e di grande maturità quando non solo segna da tre, ma lo fa anche in momenti importanti.

Bilan 6.5: contro la zona quando la palla passa dalle sue mani è poesia, un passaggio dietro schiena vanificato da Spissu sarebbe la ciliegina sulla torta.

Devecchi s.v.

Sorokas 6: buon inizio, poi sparisce un po’ dal gioco.

Evans 6.5: all’inizio sembra quasi passare per caso, l’approccio non è dei migliori, ma quando si attiva ne mette 8 in 14 minuti e si fa sentire.

Pierre 7.5: attacco, difesa, rimbalzi. Un giocatore totale e anche se non sembra la sua miglior partita, domina mettendo forse la terza marcia. C’è da pensare che abbia ragione Poz su di lui.

Gentile 6.5: entra, segna qualche tripla importante, ci mette qualche sciocchezza ma è più che presente sul campo.

Vitali 7: la difesa gioca forte sulle sue uscite, ma lui è sostanzialmente infallibile dalla lunga distanza. In questo momento è “in the zone”.

Jerrells 4: partita orripilante per atteggiamento, inefficacia e produzione. Il parziale di Strasburgo nel secondo quarto parte da lui, non è mai pericoloso e al tiro non ci prende proprio.

Coleby 5.5: deve ancora trovare i sincronismi con la nuova squadra.

 

Strasburgo

Reynolds 4.5: aggiusta un po’ le statistiche nel finale, ma prima prova a fare a gara con Jerrells per il peggiore in campo.

Serron 5: partita piuttosto anonima.

Inglis 6.5: 12 punti, 7 rimbalzi e un buon impatto generale sul match.

Nzeile 5.5: nel primo tempo suona la carica con le due triple che aprono il parziale, poi poco altro.

Scrub 5.5: ci si aspetterebbe un po’ di più da lui, soprattutto nei momenti di difficoltà.

Dallo 5: impalpabile.

Tchicambaud 6: gettato nella mischia per la disperazione, risponde con voglia di fare, difesa e anche un bel canestro.

Trarorè 6: il suo duello con Bilan è molto interessante. Lo perde ai punti, ma non molla.

York 7: è l’anima e le triple di Strasburgo. Pericolo pubblico numero uno per la difesa di Sassari e i buoni momenti francesi passano da lui.

Parakhouski 5: ci mette tre quarti per entrare in partita. Nel secondo tempo produce qualcosa di buono, ma è troppo poco per un veterano come lui.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

*

code