Colbey Ross: “Siamo un gruppo con un obiettivo, quello di vincere”

199
Colbey Ross

Colbey Ross, playmaker della Pallacanestro Varese, ha rilasciato un’intervista esclusiva a Backdoor Podcast nella quale ha parlato non solo di questa stagione in Italia, ma ha anche raccontato delle proprie qualità, dei suoi obiettivi futuri e delle sue esperienze passate.

– Vorrei conoscere il tuo punto di vista su questa prima parte della stagione. Che impressioni hai?

La prima parte della stagione è andata bene. Stiamo iniziando a trovare il nostro ritmo come squadra e a giocare un buon tipo di basket.

– Varese si sta confermando il miglior attacco del campionato. A livello di squadra quali sono le vostre qualità? E in campo cosa vi chiede il coach?

Come squadra siamo un gruppo molto altruista di ragazzi che hanno un obiettivo in mente ed è quello di vincere.
L’allenatore si aspetta che ci comportiamo da professionisti ma che ci divertiamo allo stesso tempo. Sul campo giochiamo con ritmo, condividiamo la palla e giochiamo in difesa.

– Lo scorso anno hai giocato in Repubblica Ceca vincendo anche il titolo nazionale. Quali sono le maggiori differenze con il campionato italiano? In quali aspetti hai maggiormente faticato ad ambientarti? E chi ti ha maggiormente aiutato tra i tuoi compagni di squadra?

Direi che le differenze principali sono il livello di gioco e l’atmosfera a palazzo: ogni partita sembra una partita di playoff. Inoltre ci sono molti giocatori di talento in questo campionato.
Sento che i ragazzi che hanno giocato nel campionato italiano mi hanno aiutato molto a livello gioco e su come gli arbitri gestiscono il gioco e alcune cose da aspettarsi andando in posti diversi.

– Nonostante sia la tua prima esperienza in Italia hai messo in evidenza le tue qualità. Quali sono i tuoi punti di forza? In cosa devi, invece, migliorare?

Le mie qualità principali sono il mio playmaking, avere un alto quoziente intellettivo sul campo e la mia volontà di competere.
Sto ancora migliorando la mia difesa ogni settimana e il mio tiro e continuare a fidarmi della mia meccanica

– Qual è la partita o il momento della tua carriera che non dimenticherai mai?

Ce ne sono molti che ricordo, ma probabilmente l’aver vinto un campionato statale al liceo, la vittoria del CBI al college e, onestamente, queste partite in Italia sono state tra le mie esperienze preferite perché l’atmosfera è fantastica alle partite di Varese.

– Quali sono i tuoi obiettivi, sia personali che di squadra, per questa stagione e per il futuro?

I miei obiettivi personali sono il voler continuare a migliorare dell’1% ogni giorno ed essere il playmaker che aiuta la squadra a vincere. Sono qui per lavorare sodo e vincere le partite.
I miei obiettivi per la squadra sono solo quello di fare bene partita dopo partita all’interno del gruppo e concentrarmi sulle piccole cose di cui parliamo in pratica e penso che ne verranno fuori cose buone.