‘Daye’ Reyer, De Raffaele: “Una vittoria fondamentale”

105

Sono serviti 2 tempi supplementari alla Reyer Venezia per avere la meglio sull’Hapoel Holon al termine di una partita che definire al cardiopalma è dire poco. Vittoria fondamentale per i veneziani che volano a punteggio pieno nel gruppo B della Basketball Champions League. 

La capacità dalla distanza è l’arma principale degli israeliani”, il monito lanciato alla vigilia dall’assistant coach reyerino Gianluca Tucci. E in effetti, dopo 10′ di sostanziale equilibrio, una conferma delle parole del vice di De Raffaele arriva dal secondo quarto dell’Hapoel. Uno scatenato Wyatt si prende la scena e inanella una serie di triple che spaccano la partita. La Reyer soffre la velocità degli israeliani che prendono il largo, chiudendo il primo tempo avanti di 6 lunghezze (49-43).
Una bomba di Wyatt, tanto per cambiare, apre il secondo tempo. Con un parziale di 9-0 la Reyer ristabilisce la parità e sembra il preludio ad un grande terzo quarto dei padroni di casa che tuttavia, subiscono il ritorno degli israeliani chiudendo sotto di 7 a 10’ dal termine. Mitchell Watt, ma soprattutto Austin Daye, prendono per mano la squadra e annullano il vantaggio degli israeliani. Si gioca punto a punto e allo scadere dei 40′ il punteggio è fermo sull’82-82, costringendo le squadre all’overtimeCerella a 2’’ dal termine ha a disposizione due liberi che chiuderebbero di fatto la contesa, ma spreca. Dall’altro lato del campo è glaciale invece Walden rendendo necessari ulteriori 5’ per assegnare la vittoria. Due penetrazioni di Bramos costringono al 5° fallo Walden e Cline. Anche Atkins finisce sotto la doccia, grazie ad un gran lavoro sotto canestro di Vidmar. Wyatt è indomabile, gioca praticamente da solo, costringendo la Reyer a sudare fino alla fine per portare a casa una vittoria importantissima (111-104) per il prosieguo del cammino in Europa.

Al termine della partita si presenta ai nostri microfoni Austin Daye autore di una prestazione super con 30 punti:

E’ stata una gara spettacolare, pazza. Abbiamo vissuto un’atmosfera fantastica grazie ai nostri tifosi e alla fine li abbiamo ripagati con una vittoria importantissima. Abbiamo sprecato alcuni tiri aperti e siamo stati poco attenti e determinati in certi frangenti: questo ci ha costretto a giocare i tempi supplementari. La chiave della partita nei minuti finali è stata Gasper Vidmar che ha scardinato la difesa avversaria costringendo l’Hapoel a commettere molti falli.

Ha tenuto in piedi da solo la sua squadra Khalif Wyatt (35 pt. e 5 assist):

Sono davvero orgoglioso del mio team, è stata una partita davvero dura, molto difficile. Una grande atmosfera, grazie ad entrambe le tifoserie. I nostri tifosi ci hanno dato molta energia questa sera ma non è bastato: davanti avevamo una squadra davvero molto forte come la Reyer Venezia. Ho giocato una partita monstre è vero, ma è stato grazie all’atteggiamento aggressivo che siamo riusciti a tenere per buona parte della gara. E’ un girone tosto e lo sapevamo. Sarà una lotta fino alla fine, ora ci tocca il Paok ma prima dobbiamo concentrarci sulla partita di campionato che ci aspetta sabato. 

Soddisfatto infine, il coach della Reyer Venezia, Walter De Raffaele:

Una serata di basket fantastica! Complimenti all’Hapoel. Hanno approcciato l’incontro meglio di noi, all’inizio sono stati più aggressivi. Hanno tanti giocatori di talento, Wyatt ha trascinato la squadra con canestri di altissimo livello. Noi siamo stati poco concentrati in alcune situazioni, ma alla fine abbiamo vinto la partita meritatamente. Stone ha preso un colpo alla spalla subito ed è stato costretto a proseguire la partita a mezzo servizio. Spero non abbia nulla di grave. Una vittoria fondamentale. Ora speriamo di recuperare le energie per le prossime partite.