Legabasket: la Dinamo batte Cantù e sigilla il 3⁰ posto, le pagelle

153
Dinamo Sassari
Facebook Dinamo Sassari

Il quintetto sassarese c’è. Magari soltanto quello, ma c’è. Spissu, Gentile, Burnell, Bendzius e Bilan giocano in 5, senza quasi cambi, ma sono sufficienti per battere l’Acqua San Bernardo Cantù e sigillare il terzo posto in classifica davanti alla Virtus Bologna. Per dare una dimensione esatta del rapporto tra lo starting five sardo e l’apporto della sua panchina, basta soffermarsi sul fatto che Bendzius abbia giocato lo stesso numero di minuti di tutti i cambi del Banco di Sardegna messi insieme. Per ciò che concerne la partita, i contenuti tecnici espressi sono difficili da valutare sia per la quasi totale assenza di una difesa adeguata da una parte e dall’altra sia per il fatto che gli interpreti in campo si sono fatti condizionare dalla frenesia in più di un momento della serata. Per la cronaca, finisce 98 a 92 per la Dinamo Banco di Sardegna Sassari.

DINAMO SASSARI

Spissu 7½: più di così non si può chiedere al play sassarese che, sebbene stremato, inanella anche oggi l’ennesima collana di assist.

Gentile 7½: tanta energia e tanta pressione difensiva al servizio della causa.

Burnell 7½: vedi Gentile.

Bendzius 9: oggi davvero straripante.

Bilan 9: oggi immarcabile come ormai spesso succede in questa stagione.

Katic 6: dà qualche segno di vita in più rispetto al resto dei cambi Dinamo.

Kruslin 4½: oggi davvero sottotono.

Treier N.V.

Gandini N.V.

Coach Pozzecco 9: viene da chiedersi a quali risultati arriverebbe se avesse a disposizione un’intera squadra.

 

ACQUA SAN BERNARDO CANTÙ

Gaines 7: buon impatto sulla squadra al suo rientro nelle fila brianzole.

Smith 7½: grande precisione in ogni aspetto della sua gara offensiva.

Johnson 7: prestazione di discreto livello.

Kennedy 6: latita un po’ in fase offensiva.

Leunen 7: l’età gli ha tolto tanto ma non l’intelligenza cestistica.

La Torre N.V.

Bayehe 4½: tanta buona volontà, ma solo quella.

Pecchia 5: non incide sul match.

Procida 7: tanta voglia di mettersi in mostra e buona stoffa, ma ancora tanta ingenuità in alcune scelte.

Coach Pancotto 7: se la gioca, eccome. Certo che fa una certa impressione vedere una sua squadra che pensa più a darle che a non prenderle.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

*

code