Eurobasket Roma-GeVi Napoli, le parole dei coach

90
Roma Napoli
Pagina Facebook EBK Roma

L’Eurobasket Roma vince contro la GeVi Napoli l’ultima partita del girone di andata della serie A2. La squadra campana è costretta ad inseguire fin dal primo quarto, ma dopo un’ eccellente rimonta non riesce a concretizzare la vittoria ed esce sconfitta dal match contro Roma che, invece, ottiene la terza vittoria casalinga consecutiva nonostante una squadra ancora non completa e alcuni infortuni occorsi durante la partita.

Hanno parlato ai nostri microfoni i coach delle due formazioni:

MASSIMO MAFFEZZOLI

è stata una partita difficile. abbiamo fatto un primo quarto di altissimo livello in cui siamo riusciti ad imporre offensivamente la nostra idea di pallacanestro, ma sapevamo che sarebbe stata una partita lunga.

Mastellari è stato per Napoli un innesto importante che ha dato la linfa e l’energia per rientrare in partita segnando triple fondamentali.

Noi con l’uscita di scena per infortunio di Viglianisi e le rotazioni ulteriormente accorciate abbiamo dovuto chiedere gli straordinari ai nostri giocatori anche in ruoli non loro e per questo devo fare i miei complimenti.

Dobbiamo approcciarci al girone di Ritorno con spirito positivo, veniamo da tre vittorie nelle ultime 4 e sono certo che coi i due nuovi innesti il gruppo acquisirà maggior fisicità e qualità ed inoltre stiamo molto crescendo per quanto riguarda la consapevolezza e questo è un aspetto molto importante.

Ho dato obiettivi individuali ai miei giocatori e ognuno deve porsi degli obiettivi personali sulle cose da migliorare nel girone di ritorno perchè la qualità dei singoli porterà qualità a tutto il lavoro di squadra.

– Coach quanto hanno influito le rotazioni già corte e i vari infortuni avvenuti durante la partita sul recupero di Napoli e quanto invece vari errori e la qualità dei singoli giocatori della squadra avversaria ?

Se dicessi che Napoli è rientrata in partita solo a causa dei nostri infortuni mancherei di rispetto sia a Napoli, che ha qualità, sia anche a cui era in campo dei miei giocatori.

Ci sono stati degli errori che non si possono commettere soprattutto su giocatori della qualità di Mastellari e quindi forse in quel momento un po’ in riserva di energie abbiamo un attimino fatto un passo indietro difensivamente e quindi, giocando contro una squadra che ha qualità, lo abbiamo pagato.

è chiaro che mi dispiace molto per Kenneth che stava anche facendo un’ottima partita dopo un periodo non semplice, quindi è stato un peccato soprattutto in una partita in cui Napoli ha capito che poteva aggredirci e che saremmo stati in difficoltà e così è stato.

Abbiamo fatto degli errori su cui lavoreremo perchè è chiaro che siamo ben lontani dell’essere perfetti e non lo saremo mai, ma possiamo sicuramente limare tante cose.

STEFANO SACRIPANTI

dispiace perdere una partita così, siamo partiti molto male in difesa: senza intensità, sbagliando i raddoppi sul lungo, facendoci battere uno contro uno e soprattutto prendendo 6 bombe dai tiratori dove ci eravamo preparati perfettamente e questo mi dispiace molto perchè mentre avevo attenuanti nelle partite precedenti dovute a difficoltà fisiche questi errori oggi sono stati fatti ad inizio partita quindi con una stanchezza molto relativa,

questo ci ha portato ad inseguire in una gara in cui siamo sempre stati dietro a rincorrere, abbiamo sistemato tanto dal punto di vista difensivo rischiando qualcosa nel terzo quarto difendendo a tutto campo, raddoppiando per evitare di prendere punti dal post basso con dei raddoppi anche efficaci che però ci hanno fatto prendere canestro degli esterni e questo era abbastanza preventivato.

In attacco abbiamo fatto una discreta partita, purtroppo hanno pesato molto i 10 tiri liberi sbagliati, ha pesato molto qualche canestro facile concesso e mi è dispiaciuto molto all’ultimo pallone quando avevamo tre tiratori aperti che Roderick ha fatto un tiro che non c’entrava molto e non di squadra in cui bastava passarla fuori.

onestamente ho fatto fatica a gestire la squadra a livello di falli perchè fin dall’inizio ne abbiamo commessi tanti e alla fine questa cosa ha pesato soprattutto con Chessa fuori con cui avevamo trovato un equilibrio maggiore.

Sapevamo che dovevamo essere più aggressivi e soprattutto nei primi 12/13 minuti non lo siamo stati.

Sono contento del nuovo acquisto Mastellari che ci porta maggior atletismo e qualità. abbiamo dei limiti evidenti e strutturalmente 2/3 cose che non vanno bene e dobbiamo migliorare.

io nella mia carriera non ho mai accusato i giocatori e non inizierò adesso a farlo però come ero contentissimo di loro perchè eseguivano alla perfezione tutto ciò che si preparava in settimana mi piacerebbe che questo continuasse a partire da Roderick fino all’ultimo giocatore. se pensiamo di poter fare le cose così come ci vengono senza averle preparate non ha senso avere un allenatore che esige certe cose e su questo cercherò di essere inflessibile e spero che i giocatori lo capiscano.