Eurocup: le pagelle di Virtus Bologna-Monaco

0
65
Virtus
Dalla pagina Facebook Virtus Segafredo Bologna

Incredibile vittoria della Virtus, che supera il Monaco 77-75 quando a un certo punto (-11 a 6′ dalla fine) sembrava non ci fossero più speranze. La Segafredo ha subito la difesa iper fisica e reattiva degli ospiti, non trovando mai la mira al tiro.

Alla fine l’ha vinta Milos Teodosic. A un secondo dal termine. Così.

VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA

Frank Gaines 5: Momento nerissimo per lui. Non trova mai la misura al tiro dopo un buon avvio. Anche uno 0/2 pesantissimo dai liberi nel finale.

Alessandro Pajola 6: Fa il suo, chiamato in causa anche nel finale per il quinto fallo di Markovic. Anche lui, come i compagni, fatica da dietro l’arco.

Filippo Baldi Rossi 6,5: Dopo lunghi minuti di panchina, nel momento della disperazione, Djordjevic lo butta in campo e lui ripaga con un paio di difese e una tripla fondamentale.

Stefan Markovic 5: Partita dove oltrepassa decisamente il limite tra genio e sregolatezza. Fa a testate con la partita a oltranza. Alla fine mette un canestro pesante, ma esce anche per cinque falli in anticipo.

Giampaolo Ricci 5,5: Assaggia la dura pagnotta della fisicità europea. O’Brien lo ubriaca sotto canestro. Lui non si tira mai indietro, ma fatica.

Vince Hunter 5,5: Parecchio nervoso. Paga la fisicità dei monegaschi e non riesce quasi mai a entrare in partita.

Stefan Nikolic 6:  Parte in quintetto per le assenze di Weems e Cournooh. Fa il suo senza infamia e senza lode.

Milos Teodosic 9: Semplicemente immenso. A cinque minuti dalla fine la partita era praticamente andata. L’ha riaperta e vinta lui. Praticamente da solo.

Julian Gamble 6:  Parte forte e dopo un quarto è già in doppia cifra. Poi sparisce, lui pure soffrendo il dinamismo avversario.

AS MONACO

Dee Bost 4: Una sciagura. Scelte di tiro drammatiche. Impatto complessivo sulla partita rovinoso: -11 di plus/minus.

Anthony Clemmons 6,5: Forse gioca meno di quanto avrebbe potuto. Nei circa venti minuti in campo è una presenza, specialmente offensiva.

Paul Lacombe 6: Gregariato senza particolari squilli.

Kim Tillie 5,5: Qualcosa fa, ma sbaglia almeno un paio di tiri aperti, che sarebbero la sua specialità, sanguinosi.

Will Yeguete 6,5: Roccioso e dinamico. Entra dalla panchina e dà parecchio fastidio alla Virtus. Fa il suo in entrambe le metà campo.

JJ O’Brien 8: Il migliore dei suoi per distacco. Cresce nel corso dell’incontro. Va a prendere possesso del post basso mandando in crisi Ricci e punendo ogni cambio della difesa bolognese.

Eric Buckner 5,5: Comincia bene, poi si perde. Assommando un numero enorme di palle perse.

Yakouba Ouattara 7: Molto bene, anche lui uscendo dalla panchina. Dà un contributo notevole a un attacco asfittico come quello del Monaco.

Dylan Ennis 5: Chi l’ha visto? Non entra mai in partita. Non trova linee di penetrazione. Il tiro da fuori non entra. Si sbatte dietro, ma non basta.

Landing Sanè 5,5: Tredici minuti quasi di nulla.

Classe 1985, bolognese di nascita. Folgorato da Danilovic, ammaliato da Ginobili, tradito da Abdul Gaddy. Incidente che mi ha portato a valutare le cose in maniera più disincantata. Classico esempio di paziente affetto dal "Disease". La vita è troppo breve per vedere brutto basket ma, se non c'è altro, il campionato ungherese resta un'ottima opzione.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui