Eurocup: le pagelle di Virtus Bologna-Monaco

0
Virtus
Dalla pagina Facebook Virtus Segafredo Bologna

Incredibile vittoria della Virtus, che supera il Monaco 77-75 quando a un certo punto (-11 a 6′ dalla fine) sembrava non ci fossero più speranze. La Segafredo ha subito la difesa iper fisica e reattiva degli ospiti, non trovando mai la mira al tiro.

Alla fine l’ha vinta Milos Teodosic. A un secondo dal termine. Così.

VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA

Frank Gaines 5: Momento nerissimo per lui. Non trova mai la misura al tiro dopo un buon avvio. Anche uno 0/2 pesantissimo dai liberi nel finale.

Alessandro Pajola 6: Fa il suo, chiamato in causa anche nel finale per il quinto fallo di Markovic. Anche lui, come i compagni, fatica da dietro l’arco.

Filippo Baldi Rossi 6,5: Dopo lunghi minuti di panchina, nel momento della disperazione, Djordjevic lo butta in campo e lui ripaga con un paio di difese e una tripla fondamentale.

Stefan Markovic 5: Partita dove oltrepassa decisamente il limite tra genio e sregolatezza. Fa a testate con la partita a oltranza. Alla fine mette un canestro pesante, ma esce anche per cinque falli in anticipo.

Giampaolo Ricci 5,5: Assaggia la dura pagnotta della fisicità europea. O’Brien lo ubriaca sotto canestro. Lui non si tira mai indietro, ma fatica.

Vince Hunter 5,5: Parecchio nervoso. Paga la fisicità dei monegaschi e non riesce quasi mai a entrare in partita.

Stefan Nikolic 6:  Parte in quintetto per le assenze di Weems e Cournooh. Fa il suo senza infamia e senza lode.

Milos Teodosic 9: Semplicemente immenso. A cinque minuti dalla fine la partita era praticamente andata. L’ha riaperta e vinta lui. Praticamente da solo.

Julian Gamble 6:  Parte forte e dopo un quarto è già in doppia cifra. Poi sparisce, lui pure soffrendo il dinamismo avversario.

AS MONACO

Dee Bost 4: Una sciagura. Scelte di tiro drammatiche. Impatto complessivo sulla partita rovinoso: -11 di plus/minus.

Anthony Clemmons 6,5: Forse gioca meno di quanto avrebbe potuto. Nei circa venti minuti in campo è una presenza, specialmente offensiva.

Paul Lacombe 6: Gregariato senza particolari squilli.

Kim Tillie 5,5: Qualcosa fa, ma sbaglia almeno un paio di tiri aperti, che sarebbero la sua specialità, sanguinosi.

Will Yeguete 6,5: Roccioso e dinamico. Entra dalla panchina e dà parecchio fastidio alla Virtus. Fa il suo in entrambe le metà campo.

JJ O’Brien 8: Il migliore dei suoi per distacco. Cresce nel corso dell’incontro. Va a prendere possesso del post basso mandando in crisi Ricci e punendo ogni cambio della difesa bolognese.

Eric Buckner 5,5: Comincia bene, poi si perde. Assommando un numero enorme di palle perse.

Yakouba Ouattara 7: Molto bene, anche lui uscendo dalla panchina. Dà un contributo notevole a un attacco asfittico come quello del Monaco.

Dylan Ennis 5: Chi l’ha visto? Non entra mai in partita. Non trova linee di penetrazione. Il tiro da fuori non entra. Si sbatte dietro, ma non basta.

Landing Sanè 5,5: Tredici minuti quasi di nulla.

Classe 1985, bolognese di nascita. Folgorato da Danilovic, ammaliato da Ginobili, tradito da Abdul Gaddy. Incidente che mi ha portato a valutare le cose in maniera più disincantata. Classico esempio di paziente affetto dal "Disease". La vita è troppo breve per vedere brutto basket ma, se non c'è altro, il campionato ungherese resta un'ottima opzione.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here