Euroleague analytics: chi è il giocatore che ha più palla in mano?

84
analytics

Abbiamo mandato in archivio un altro doppio turno in Eurolega e l’attenzione è andata in particolare all’importantissimo percorso netto dell’Olimpia che si è issata in terza posizione. Dopo un altro periodo importante di questa competizione andiamo a fare una piccola fotografia delle analytics grazie al servizio Instat che ci permette di andare a fondo a tutti quei numeri che non sono riportati dai tabellini, ma che spesso danno un’importante indicazione su quali squadre giochino meglio e perchè.
Proviamo ad andare più nel merito di quelli che sono i playtype e chi sono i giocatori più impattanti a livello di team.

Squadre

Avevamo parlato nella nostra ultima analisi di come Valencia fosse la squadra che gioca più di squadra e sfornasse più assists. La cifra è confermata, così come il suo praticamente nullo utilizzo del pick and roll chiuso dal palleggiatore (solo il 10% delle azioni), mentre salta subito all’occhio come nelle prime cinque posizioni ci siano sostanzialmente quattro dei migliori interpreti in Micic, Wilbekin, Shved e James.
Il post up del Barcellona si conferma in testa alla classifica, con il Bayern e l’ASVEL (due squadre molto fisiche) a tallonarlo. Ben più particolare la presenza di Valencia anche stante l’assenza prolungata di Bojan Dubljevic.

Ora diamo uno sguardo più generale alle analytics delle squadre vedendo che il Fenerbahce ha alzato notevolmente la qualità del proprio attacco, così come lo Zalgiris che non solo è in top 3 per percentuali, ma sta tirando in modo irreale anche da tre punti, dove però è tallonata dall’Olimpia. Possiamo dire che queste due squadre tirano molto bene dall’arco anche perché costruiscono tiri di notevole qualità. Valencia, nonostante il disastro di questo periodo, si conferma il miglior attacco per 100 possessi, ma il tracollo difensivo li ha fatti precipitare. Il Barcellona domina la categoria, ma anche l’Olimpia si difende più che bene sui 100 possessi, segno di grande solidità nonostante non tutti i componenti siano dei difensori esattamente asfissianti.

Giocatori

Passando invece ai singoli giocatori scopriamo dei numeri piuttosto forti. Come detto non è un caso vedere la top 3 dei migliori giocatori di pick and roll, quello che stupisce di più è vedere il giocatore protagonista di questo focus: Wade Baldwin.
Guardando le partite del Bayern è chiaro come quella non sia esattamente la sua azione preferita, eppure è top 5 per P&R giocati con addirittura 5,1 ma con solo il 37% in quelle situazioni, figlie anche di un tiro da tre non affidabile. Se andiamo nella statistica sotto vediamo come sia anche molto utilizzato in isolamento con solo 0,2 conclusioni a partita meno di Mike James. Questo significa che l’attacco e la creazione delle situazioni dal palleggio per il Bayern passa quasi esclusivamente dalle sue mani o dal post basso di Reynolds. Ovviamente tra i roller domina Tavares, ma ha un degno rivale in un Joffrey Lauvergne che in questo periodo si trova spessissimo al termine degli arcobaleni. Le schiacciate ripetute (anche perchè non sempre il tocco è sopraffino) lo mettono tra i migliori rollanti della lega.
Per chiudere con il capitolo italiani è molto bello vedere nella top 10 Achille Polonara e Daniel Hackett, alla voce “tiratori sugli scarichi”. Due campioni ormai, che non erano affatto nati come tiratori, ma che con il lavoro costante sono diventati delle vere e proprie sentenze.