Euroleague: il pericoloso “caso” Wade Baldwin

Possiamo dire che dalla serie di playoff della scorsa stagione tra Real e Partizan, l’Euroleague abbia perso un po’ di polso nella gestione degli eventi. Rimane negli occhi di tutti la bruttissima gestione di quella situazione che probabilmente ha deciso un’intera stagione, ma ora è successo un altro episodio, meno impattante dal punto di vista generale, ma ugualmente rischioso. Wade Baldwin che va a muso durissimo contro un arbitro a fine partita, portato via a forza e che viene solo multato. Nell’ultima puntata di Backdoor Call ne abbiamo parlato con Marco De Benedetto.

Posso dire che io continuo a essere stupito del metro che ha Eurolega per punire in generale le cose che non vanno. Già dalla famosa rissa del Partizan. E, come dici tu, mi sembra un po’ pericoloso. L’unica cosa che posso dire è che sicuramente gli arbitri di Eurolega, anche Eurocup, comunque in generale quel pool di arbitri, hanno la capacità di essere molto sotto controllo rispetto alla media. Sono molto bravi a non perdere la pazienza. Magari quando in Italia o negli altri campionati darebbero il tecnico, loro lo trattengono. E quindi non si saranno particolarmente spaventati, mi viene da dire. Resta il fatto che l’atteggiamento di Baldwin è tosto.

 

Tu hai parlato di arbitri in Italia, e Ario Costa non le ha mandate a dire agli arbitri a questo giro…

Quando c’è stress di questo tipo, si può alle volte davanti alle telecamere eccedere e dire cose in maniera che magari non si sarebbe voluta. Credo che Ario non volesse poi utilizzare questi termini veramente, almeno immagino. Poi non lo so, la responsabilità ovviamente è la sua, però non va bene dirlo davanti alle telecamere pubblicamente, usare quelli appellativi tendenzialmente.

Simone Mazzola
Simone Mazzola
Ideatore di www.backdoorpodcast.com e giornalista per NBA ed NFL su Fox Sport, oltre che autore del libro American Dream -un infiltrato alle NBA Finals" e fondatore del canale YouTube SM Padel.