Eurolega: Daniel Hackett è incontenibile e la Virtus supera ancora l’Olimpia Milano, le pagelle

467

La Virtus Bologna vince l’ultima giornata di Euroleague superando 89-84 l’Olimpia Milano
iniziano meglio i milanesi con Davies e Voigtmann ma è Jaiteh a rilanciare i padroni di casa con intensità e applicazione nel secondo quarto.
L’Olimpia prova l’allungo ma le incredibili triple di Belinelli tengono tutto aperto fino al sorpasso firmato da un incredibile Hackett che raggiunge una doppia doppia clamorosa. Nell’ultimo periodo si perdono i milanesi che non segnano più e la Virtus gestisce fino alla vittoria finale, nonostante il tentativo di rimonta con Baron e Voigtmann

VIRTUS BOLOGNA

Belinelli 7,5: fa impazzire la difesa milanese con le triple fuori equilibrio. Un bombardiere

Bako 5: pochi minuti, scarso impatto, Scariolo lo tiene fuori a lungo.

Jaiteh 7: impatto importantissimo nel secondo quarto quando da solo svolta l’inerzia. Intensità che tutti vorrebbero vedergli più spesso.

Lundberg 5: partita in cui fatica a trovare una collocazione sia offensivamente che difensivamente.

Shengelia 7: solidissimo soprattutto nel primo tempo, sfrutta bene l’assenza di un difensore affidabile su di lui.

Hackett 9: partita enorme per Daniel che si carica la squadra sulle spalle e spadroneggia dall’inizio alla fine. Punti assist recuperi…fa tutto!

Menalo NE

Mickey 6: stecca da fuori ma porta il suo mattoncino alla causa.

Camara NE

Weems 6,5: aiuto a rimbalzo importantissimo in una serata offensivamente non eccezionale

Ojeleye 6,5: enorme in difesa, e non è una novità, in attacco lascia spazio ad altri.

OLIMPIA MILANO

Davies 5,5: porta profondità all’attacco milanese imbeccando anche i compagni ma ci sono troppi errori lampanti.

Thomas 5,5: una tripla e poco altro.

Mitrou-Long NE

Pangos 5: non sembra in grande condizione, soffre tutti i blitz della difesa bianconera e non gioca il pick n roll alla sua maniera.

Tonut 6: dieci minuti di tanta applicazione difensiva ma pare scarico dopo l’influenza.

Baron 6: senza le sue triple l’attacco milanese perde il 50% dell’efficacia, ed è un problema per Messina

Ricci 5: non replica le grandi serate recenti. Intensità e poco altro.

Hall 5,5: tanto aiuto a rimbalzo ma quante palle perse.

Shields 5: lontanissimo dalla forma migliore, poco lucido anche in alcune scelte.

Hines 6,5: troppi falli ma le scelte quasi sempre sono corrette.

Datome 6,5: in crescita anche se in difesa soffrirà sempre e comunque

Voigtmann 7: sfrutta ogni occasione, probabilmente è il migliore per Milano. Si gioca un posto per i playoffs

Dario Destri
Da un decennio abbondante presenza fissa al seguito dell'Olimpia Milano. Tanta Euroleague con due Final Four nel curriculum. Oltreoceano il cuore batte per i Suns, folgorato in gioventù dalle gesta di Steve Nash. Non chiedetemi di Dragan Bender