Eurolega: Deck ai Thunder, da subito…ma perché?

187
Deck
Twitter Pasion Basket NBA

Non si può mai stare tranquilli a Madrid in questa stagione. Sono passate solo poche ore dalla sontuosa vittoria in terra turca con conseguente qualificazione ai playoff e una bomba scuote l’ambiente dei blancos.
Chema De Lucas è il primo a sganciarla, riportando che Gabriel Deck è in direzione Oklahoma City Thunder…da subito.

Si era già parlato dell’argentino in estate come possibile target per alcune squadre NBA e anche nel nostro podcast di mercato avevamo trattato l’argomento. Una volta che il passare dei mesi aveva portato a una certa stabilità post Campazzo per il Real Madrid, nessuno si sarebbe più aspettato movimenti e invece arriva il rumor più inaspettato di tutti: Gabriel Deck sarebbe pronto a volare in queste ore agli Oklahoma City Thunder per firmare in NBA un contratto triennale svincolandosi così dai Blancos.
Come riferitoci dal nostro insider Orazio Cauchi, Deck aveva un a escape valevole per tutto l’anno che gli garantiva la possibilità di andare in NBA appena possibile. Sfruttando questa clausola l’argentino avrebbe pagato personalmente alla società la rescissione, comunicando appena dopo la partita contro il Fenerbahce la propria decisione. Anche solo immaginare la scena dell’annuncio da parte del giocatore nello spogliatoio e le conseguenti reazioni suscita molta fantasia.

La legittima voglia di andare in NBA è assolutamente comprensibile, ma che questo succeda il nove di aprile alla vigilia dei playoff di Eurolega è quantomai strano. Il Real sapeva di non poterlo rinnovare, ma sfugge il senso di andare oggi ai Thunder per giocare un mese di garbage regular season in confronto ai playoff di Eurolega e ACB. Di sicuro ci sono dettagli che ci sfuggono ma che probabilmente avranno un senso se in possesso di tutti i dettagli del quadro generale. Inutile dire che è stato un fulmine a ciel sereno per tutti, ma provare a tenere monitorata la situazione per fornirvi dettagli che aiutino a capire il perché di un fulmine a ciel sereno.