Eurolega: Fenerbahce alle Final Four, lo Zalgiris saluta

final four
Facebook Fenerbahce

È ormai una consuetudine, ma lo Zalgiris lo aveva quasi messo in dubbio con la vittoria di gara due. Il Fenerbahce vola alle Final Four completando la rimonta sui lituani e giocando una partita notevole, sicuramente la migliore della serie, per chiudere i giochi.

Finisce 99-82 per la truppa di Obradovic, con il coach serbo che raggiunge così la sua diciottesima final four di carriera, la quinta consecutiva alla guida del Fenerbahce con la speranza di vendicare la sconfitta in finale della scorsa stagione.
Se nelle prime tre partite lo Zalgiris era sempre arrivato in fondo a contatto e combattendo, questa sera la truppa di Jasikevicius si è dovuta arrendere, non senza lottare, soprattutto a una serata di vena balistica di Ali Muhammed che ha chiuso con 25 punti, di cui praticamente tutti nei primi tre quarti dove i turchi hanno dapprima messo il gap nel punteggio grazie alle sue conclusioni, salvo poi chiudere i conti nella ripresa e nel quarto periodo grazie a 24 assists di squadra (10 Sloukas) e un gioco corale che ha punito ogni ritardo degli avversari.

I padroni di casa hanno provato a rientrare più volte dalla doppia cifra di scarto, hanno avuto il solito Brandon Davies di alto livello (25 punti e 35 di valutazione), con il solo Wolters a fargli da spalla, ma ovviamente non è stato l’attacco il problema dei padroni di casa. In una serie con così tanta differenza di talento e pedigree, il diktat di Jasikevicius è sempre stato di tenere basso il punteggio e con una difesa sul pick and roll esemplare per tempi e rotazioni, tutto era riuscito con ottimi risultati sino a oggi. Nel momento in cui una delle variabili più impazzite dell’Eurolega come Alì trova la giornata di grazia, anche una difesa e una squadra organizzata come lo Zalgiris è destinata a soccombere in una partita che non è mai sembrata lontano dalle mani dei turchi.

Sono solo complimenti nel post partita per Jasikevicius:

Faccio le congratulazioni al Fenerbahce perché è stata la miglior squadra della serie. Noi abbiamo perso l’occasione di rendere tutto più interessante vincendo gara 3, mentre oggi è stata una delle nostre peggiori prestazioni.

Parole di elogio però arrivano anche da Obradovic:

Faccio i complimenti allo Zalgiris per la grande stagione di Eurolega giocata e al mio amico Sarunas perché ha condotto una stagione notevole. La standing ovation a partita finita è la conferma di un’annata da ricordare.