Eurolega: Le pagelle di Olimpia Milano – Maccabi Tel Aviv

183
Maccabi

Nella serata del doveroso omaggio alla leggenda Dino Meneghin, l’Olimpia Milano affronta il Maccabi Tel Aviv nel primo dei due incontri di Euroleague previsti per questa settimana. I biancorossi conducono per tutto il match, soffrono diverse rimonte del Maccabi, ma nel finale grazie alla gestione di Rodriguez e alla sapienza di Scola vince per 92-88 una partita importantissima

Qui di seguito le nostre consuete pagelle:

OLIMPIA MILANO

Rodriguez 8: Fatica all’inizio, ma prima fa girare la squadra (11 assists) e poi quando c’è da gestire il finale è un maestro. Un altra vittoria con in calce la sua firma.

Roll 7: Non guardate il tabellino, fermatevi alla sontuosa difesa su Wilbekin d’intelligenza, piedi e conoscenza del gioco. Nonostante l’avversario ne segni 25 la sua prova difensiva vale da sola il voto.

Scola 8: Con Rodriguez è l’MVP. I momenti decisivi quando il Maccabi provava a rientrare o aprendo i parziali sono tutti suoi. Predica basket in attacco vicino e lontano da canestro, usando il mestiere dietro.

Brooks 6: Un po’ rinunciatario in alcuni casi, ma quando il Chacho lo carica nel quarto periodo lui risponde e mette una tripla decisiva.

Mack 6: I numeri non sono da stropicciarsi gli occhi, ma nell’unico momento iniziale in cui Rodriguez ha faticato è entrato, ha attaccato e anche segnato. Manca ancora tanto per vedere il vero Mack, ma ci sono segnali.

Nedovic 6.5: Alterna cose mirabili (il parziale del terzo periodo) a momenti di pausa anche redarguiti pesantemente da Messina, ma c’è anche la sua firma sui 92 segnati e la vittoria.

Micov 6.5: Come spesso accade è poco appariscente, ma segna quando serve, gioca una partita pulita e punisce ogni errore avversario giocando un’ottima prestazione anche in difesa.

White 5: Dieci minuti sostanzialmente impalpabili.

Tarczewski 5.5: Soffre sempre il complesso del fallo commesso obbligando Messina a girare troppo i lunghi. Dovrebbe gestirsi meglio anche se il suo mattone lo porta.

Biligha 5.5: Lotta e prova a giocare di fisico, ma è spesso in campo con Black che fisicamente e d’ingombro lo domina. Mette intensità nei minuti in cui non c’è Tarczewski

 

MACCABI TEL AVIV:

Wilbekin 7.5: Il Maccabi in attacco è lui. Segna triple prive di senso contro le difese nei pantaloncini e tiene lì i gialli fino all’ultimo di puro talento.

Acy 5: Se togliamo il clamoroso poster in schiacciata c’è poco altro e Sfairopoulos si accanisce nel finale a tenerlo su Rodriguez con risultati pessimi.

Wolters 5.5: Qualche squillo nel primo tempo e poco altro.

Black 7: Sa giocare nei momenti della partita e vicino a canestro è un vero e proprio tornado. Si è adattato alla grande al basket europeo.

Bryant 4: Falli e poco altro nel suo match.

Hunter 5: Prende due rimbalzi senza senso nel terzo quarto, ma è relativamente coinvolto in attacco e produce pochissimo.

Dorsey 6.5: La sua pericolosità ed efficacia da tre tengono in apprensione la difesa avversaria e in vita il Maccabi fino alla fine.

Dibartolomeo 5: Prova ampiamente sotto il par per problemi di falli. Non entra mai in ritmo partita.

Zoosman 5: Sette minuti e quattro punti. Poco per poter essere d’impatto.