Eurolega: Le pagelle di Olimpia Milano – Panathinaikos Atene

175

Nella prima giornata di ritorno del girone di Euroleague l’Olimpia Milano porta a casa una convincente vittoria per 96 a 87 contro il Panathinaikos.

Guarda anche la video analisi e leggi le parole di Kiefer Sykes

Ecco le nostre pagelle:

OLIMPIA MILANO

Rodriguez 9: quando mette il vestito buono dell’Eurolega detta ancora legge. Terrificante.

Sykes 7: primo tempo impaurito e titubante. Poi si mette in fiducia con due triple e porta anche lui il suo mattoncino.

Scola 6,5: serata non brillante al tiro ma mette tutta l’esperienza di cui dispone e porta a casa anche questa partita.

Micov 6,5: come spesso accade, tira fuori il coniglio dal cilindro quando serve. Professore.

Gudaitis 6,5: ogni partita mette un tassello in più per ritornare ai suoi livelli. Il fatto che chiuda in crescendo fa ben sperare.

Moraschini 8: Primo tempo ai limiti dell’irreale, nel secondo tempo fa comunque tantissime cose buone.

Biligha 7: messo in campo anche nell’inusuale ruolo da 4 sfodera una prestazione assolutamente convincente.

Roll 6,5: scende in campo con la faccia buona e i risultati si vedono.

Brooks 6,5: solido mette tantissima energia a rimbalzo.

Tarczewski 5,5: oggi non è la sua serata. Sta poco in campo e non impatta.

 

PANATHINAIKOS ATENE:

Calathes 4,5: irriconoscibile. Non entra mai in partita un po’ per meriti di Milano ma tanto per demeriti suoi.

Fredette 7,5: il talento offensivo è come al solito sfavillante. L’ultimo dei suoi ad arrendersi insieme a Thomas

Thomas 6,5: uno dei pochi a portare il suo contributo in attacco.

Papapetru 6: prova senza infamia e senza lode.

Papagiannis 5: Ccme al solito mollissimo non sfrutta mai i diversi mismatch avuti.

Mitoglu 6: anche lui una prestazione senza particolari acuti.

Wiley 6: tenta di fare il suo ma non incide molto.

Rice 5:  prova assolutamente incolore su entrambi i lati del campo.

Johnson 5: della sua presenza ci si accorge poco. E per Milano va bene cosi.

Bentil 6:  nei pochi minuti in campo dà comunque il suo contributo.