Eurolega, Maccabi Tel Aviv: stipendi bloccati fino a nuovo ordine

341
Maccabi Tel Aviv
Pagina Facebook Maccabi Tel Aviv Basketball

La massima competizione europea di pallacanestro è sospesa da ormai più di sei settimane e l’ultima partita giocata è datata 6 Marzo, ma nonostante tutto questo tempo l’ELPA (EuroLeague Players Association) e l’Eurolega non sono riuscite ad arrivare ad una conclusione sullo spinoso argomento dei contratti.

Molte squadre, come Barcellona, Bayern Monaco e Real Madrid, si sono accordate autonomamente per ridurre lo stipendio ai propri giocatori fino alla fine dell’emergenza, con il club blaugrana che, attraverso l’applicazione dell’ERTE, è riuscito a ridurre del 70% gli stipendi.

A questi si è aggiunto anche il Maccabi Tel Aviv che, come riferito da Sport 5, ha sospeso i contratti e congelato i pagamenti a tutti i suoi giocatori finchè i negoziati tra Eurolega ed ELPA non porteranno ad un accordo ufficiale che il club israeliano rispetterà.

Maccabi Tel Aviv
Pagina Facebook Maccabi Tel Aviv Basketball

Il Maccabi Tel Aviv, al momento della sospensione, occupava il quinto posto in Eurolega e la prima posizione in Winner League, il campionato israeliano; il presidente del club Simon Mizrahi ha inviato una lettera ai suoi giocatori spiegando il perché di questa decisione e affermando che ci troviamo in un contesto mai visto e che lui stesso non si sarebbe mai immaginato una situazione in cui le persone della sua età non sarebbero state in grado di incontrare i loro figli e nipoti.

Mizrahi scrive che lui ha una responsabilità verso il club e deve fare tutto il necessario per assicurargli un futuro e quindi, dal momento che i negoziati tra Eurolega ed ELPA non sono ancora conclusi, finchè non ci sarà un accordo ufficiale tutti i contratti saranno congelati; il presidente stesso ammette inoltre di trovarsi in una situazione frustrante e di essere dispiaciuto di dover fare un gesto così estremo, ma la situazione che si è venuta a creare non è colpa di nessuna delle parti ed è quindi necessario agire in questo modo fino a che non vi sarà un concordato ufficiale o si riprenderà a giocare.