Eurolega: vergogna Olimpia! L’Alba vince dominando, le pagelle

397
Olimpia Milano

Probabilmente la peggior partita di basket di Eurolega che possiate vedere ai primi di gennaio del 2023 è tra queste due squadre. Quaranta minuti di pessima pallacanestro dove banalmente chi ha avuto qualche idea in più e un po’ di gambe ha vinto. L’Olimpia è ancora una volta non degna di meritare anche solo l’accostamento alla parola playoff, che con questa sconfitta diventa qualcosa di irrealizzabile. Questa sera non c’è nulla, neanche la difesa. Non c’è niente di niente da salvare, impossibili da capire anche le rotazioni di Messina con 20″ a Tonut e quasi nulla a Mitrou-Long (se non negli ultimi 5′ di disperazione) e Thomas. Il finale è 83-63.

Alba Berlino

Lo 7: sempre un giocatore che meriterebbe un altro palcoscenico. Essenziale e chrirurgico quando serve.

Smith 7: grande secondo tempo e nel momento del bisogno i canestri importanti che chiudono il match.

Delow 6: buon primo tempo, poi è tangenziale al match.

Wetzell s.v.

Mattisseck 5.5: cinque minuti e 0-2 dal campo.

Schneider s.v.

Koumadje 6: nove minuti in cui riesce a produrre qualcosa di buono.

Thiemann 7: nel primo tempo nessuno riesce a tenerlo in post. Poi nel secondo sparisce un po’, ma segna la via.

Sikma 6: non c’è bisogno del miglior Sikma per fare +20, e questo la dice lunga.

Lammers 6.5: ottima partita dentro e fuori con un interessante 12+7.

Blatt 6.5: non è quello dell’andata, ma fa sentire la sua presenza in regia.

Zoosman 6.5: segna la tripla a fine terzo quarto che chiude moralmente i conti.

 

Olimpia Milano

Davies 5.5: ci prova e nel primo tempo fino ai problemi di falli era il faro, poi fine.

Thomas 5.5: 6′ minuti nel primo tempo con anche un buon piglio, poi in panchina lungo tutto il secondo senza un motivo.

Luwawu-Cabarrot 5.5: sbaglia tantissimo, ma almeno ci mette la faccia, le gambe e lotta.

Mitrou-Long 4: inutile, se non dannoso.

Melli 5.5: discorso analogo di TLC. Sbaglia, non è lucido, forse è stanco ma l’approccio non si discute.

Baron 5: deve sparare quello che gli capita per le mani, ma non può essere sempre il go to guy.

Ricci 4.5: praticamente impalpabile.

Hall 5: spremuto fino al midollo in situazioni non sue, così si perde tutto quello che di buono sa fare. Anche lui ne azzecca poche davanti e dietro.

Hines 4: dispiace, ma quest’anno sembra andare contro un muro a ogni partita. Anche lui sembra fare sempre la cosa sbagliata.

Voigtmann 4: non ne imbrocca letteralmente una.