Eurolega: l’Olimpia Milano soffre ma Baron la chiude, le pagelle

515
Olimpia MIlano
Flickr Olimpia Milano

L’Olimpia Milano soffre ma espugna il campo dell’Asvel vincendo 69-62.
Partita che inizia in salita per i biancorossi (complici le assenze) con l’Asvel che vola immediatamente sul +15 con una grande inizio di De Colo e Mathews, mentre l’Olimpia vaga in campo non trovando soluzioni.
Piano piano però gli uomini di Messina girano le viti in difesa sull’asse Hines-Melli e con l’aiuto di Voigtmann e Baron trovano sostanza anche in attacco riaprendo la partita fino al sorpasso. Nel finale però emerge tantissima stanchezza e De Colo riporta davanti i francesi, ma sono due triple di Baron e Pangos a chiudere la sfida in favore dei milanesi.

ASVEL

Mathews 6,5: si vede subito il fiuto per il canestro, molto dinamico e ricco di iniziative. Bel debutto europeo.

Polite 5: non una partita emozionante e il tabellino parla chiaro per lui.

Noua 6,5: bel contributo di atletismo con 8 rimbalzi e 6 punti.

Diot 4,5: impalpabile, il trilione da 6 minuti sarebbe stato epico.

De Colo 7: primo tempo pazzesco ma poi Milano gli mette la museruola e lo limita a soli due punti nella seconda metà di partita.

Fall 6: la stazza si sente tutto, nel finale però rimedia un problema alla mano

Lighty 6: va a fasi alternate ma quando trova il tiro in post basso va sempre a segno

Obasohan 5,5: partita non entusiasmante dove non trova il ritmo in attacco.

Pons 5,5: deve ancora trovare la sua dimensione

OLIMPIA MILANO

Davies 5: offensivamente non riesce mai a trovare le sue giocate, ed è un problema. Però rimedia due sfondamenti importanti.

Thomas 4: ad oggi è totalmente avulso e Messina non perdona. Poco adatto al ruolo di 3?

Pangos 5,5: enormemente fuori condizione, imprecisioni nei passaggi non da lui. Eppure mette la tripla che chiude la sfida.

Tonut 7: eccellente debutto, nonostante le difficoltà dall’arco. Il suo contributo fisico in difesa e a rimbalzo faranno sicuramente felice Messina.

Melli 7,5: ancora una volta il migliore in difesa e ci mette anche una certa costanza in attacco. Se trova continuità offensiva è materiale da MVP.

Baron 8: bang bang Baron tiene a galla l’Olimpia con le sue conclusioni dall’arco, fondamentali nei momenti di secca offensiva. Un giocatore che mancava all’Olimpia.

Ricci 5: pochi minuti non indimenticabili

Hall 6,5: davanti fa fatica, ma in difesa fa un lavoro sublime su De Colo.

Hines 7: la stoppata su Fall, a 36 anni, è qualcosa di irreale. Sono finiti gli aggettivi per la sua capacità di lettura difensiva e offensiva.

Voigtmann 6,5: importantissimo nel primo tempo, cala nel secondo ma ci può stare