Eurolega Olimpia Milano-Valencia: le nostre pagelle

401
Olimpia Milano
VALENCIA, SPAIN - MARCH 05: FREE EDITORIAL PICS AVAILABLE.

In Eurolega l’Olimpia Milano conduce la partita per ampi tratti, si fa raggiungere e beffare per l’overtime e quando sembra nel baratro per l’ennesima volta, Micov la risolve con la tripla a fil di sirena per un’insperata vittoria.

Le pagelle Eurolega Olimpia Milano-Valencia

 

Olimpia Milano

Della Valle s.v.: gioca troppo poco

Micov 7.5: quando c’è un canestro decisivo da mettere non manca mai. La tripla della vittoria vale più di tutte le valutazioni.

Gudaitis 6: la gestione dei falli inficia una partita che avrebbe potuto vederlo più protagonista.

Moraschini 6: gioca con intensità segna qualche canestro ma non è la sua serata da lontano. È però sempre più importante nelle rotazioni.

Roll 5.5: segna la tripla che poteva chiudere il match, replica nell’overtime, ma è ancora lontano dall’essere quello d’inizio stagione

Rodriguez 7: il suo pick and roll centrale mette in difficoltà Valencia. E’ il faro dell’attacco, anche se in difesa fa enorme fatica, forse anche per il sovrautilizzo.

Tarczewski 5.5: deve mettere troppe toppe dietro, ma non è la sua miglior partita.

Crawford 5.5: squilla qualche volta in attacco ma il fallo e canestro con i suoi a +5 è un peccato capitale.

Sykes 5: serve più presenza e incisività per non sovraccaricare il Chacho, ma così non è.

Scola 6: In minutaggio ridotto produce molto. Nell’overtime si fa valere in post basso.

Brooks s.v.: quattro minuti ingiudicabili.

Valencia

Colom 5: la sua prova è tutt’altro che male, ma lo 0-2 finale condanna Valencia alla sconfitta e pesa tantissimo.

Marinkovic 4.5: poco in campo e anche piuttosto male.

Ndour 6.5: Poco appariscente ma incredibilmente concreto vicino a canestro contro i mismatch.

Abalde 7: è il protagonista della rimonta finale, semi glaciale dalla lunetta, con 21 punti gioca una signora partita.

Labeyrie 5: molto poco incisivo.

Tobey 5.5: ogni tanto si fa trovare pronto, ogni tanto no.

Dubljevic 7: partita imperiale, ma soprattutto un finale in crescendo e glaciale: 19 e 31 di valutazione.

Vives 4: 0 punti e -8 di valutazione

San Emeterio 5.5: il suo lo produce ma non può trascinare la nave.

Sastre 5: servirebbe qualcosa di più.

Doornekamp s.v.: troppo poco in campo.