Eurolega: Pangos predica basket e lo Zenit batte l’Olimpia, le pagelle

364
Olimpia Milano
Flickr Olimpia Milano

Nell’insolita serata di lunedì sono due brutte notizie per l’Olimpia Milano perché non solo perde con lo Zenit San Pietroburgo, ma i russi ribaltano anche la differenza canestri dell’andata. È una vera e propria lotta che nel quarto periodo viene risolta da Kevin Pangos e il suo splendido talento. Lui e Gudaitis conducono le danze, ma il canadese è pura poesia. Nel secondo tempo Punter prova ad accendersi e tenere lì i suoi, ma questa volta lo Zenit chiude bene e vince con merito per 79-70.

Zenit San Pietroburgo:

Rivers 5: impreciso in attacco anche su tiri buoni, manca il suo apporto offensivo anche se dietro ci dà.

Zakahrov 6: in quattro minuti cose buone.

Pangos 8: Messina gli manda addosso la staffetta per sfinirlo in ottica quarto periodo e lui è proprio lì che domina e tira fuori due triple dal cilindro di puro talento dopo aver predicato basket.

Fridzon s.v.

Hollins 4.5: inesistente.

Thomas 7: era l’uomo che aveva a disposizione più mismatch e li ha gestiti alla grande quando chiamato in causa.

Baron 7: quando Pangos ha tirato il fiato lui ha fatto cose mirabili. Forse ha sbagliato le cose più semplici, ma grande prova la sua.

Zubkhov 6.5: un canestro pescato dal cilindro e in 14 minuti prende 5 preziosissimi rimbalzi.

Poythress 6.5: ottima prova vicino a canestro dove dà del filo da torcere a tutti. La sua fisicità era mancata allo Zenit.

Ponitka 6.5: giocatore tuttofare, sempre presente e utile alla sua causa. I 7 rimbalzi sono manna.

Gudaitis 7.5: grande prova dell’ex che nel pick and roll aggredisce sempre il ferro e produce 16 punti e 20 di valutazione.

 

A|X Armani Exchange Milano

Punter 6.5: primo tempo in cui non ci prende mai, poi si infiamma con due giochi da quattro punti e tiene su la nave nel secondo tempo.

Micov 6: deve giocare da quattro per ovvi motivi, fa il suo e si batte bene.

Roll 5.5: manca forse un pochino in difesa, ma fa cose utili.

Rodriguez 6.5: nel primo tempo è veramente un’ancora di salvezza in attacco, nel secondo fatica un po’ di più.

Tarczewski 5: decisamente non la sua partita, obbliga Hines agli straordinari e non incide fisicamente anche sui mismatch.

Delaney 4: partita disastrosa. Cinque falli, continue proteste, mai in partita e il -8 di valutazione è una pietra tombale su un vero orrore.

Shields 7: non stacca mai, segna sempre quando serve, difende spesso su Pangos costringendolo a canestri incredibili ed è insostituibile per questa squadra.

Hines 6.5: sfiora la doppia doppia e gioca un’ottima partita sui due lati del campo, ma ogni tanto gli si chiede davvero troppo in aiuto.

Datome 5: non la sua partita, non riesce a tenere i mismatch in cui si trova invischiato e non avendo sguardi a canestro fatica a incidere.