Eurolega: le pagelle di Olimpia Milano-Anadolu Efes

203
Efes

Secondo appuntamento di Eurolega della settimana e altro impegno interno per l’Olimpia che anche questa volta affronta una compagna di testa, l’Anadolu Efes Istanbul.
Questi i voti del match:

Olimpia Milano

Shelvin Mack 6.5: è l’unico esterno che può tenere Larkin e lo fa in maniera più che competente. Trova anche buoni momenti offensivi.

Vlado Micov 6: potrebbe forse attaccare un pò di più sui mismatch ma gioca come al solito una partita pulita.

Paul Biligha 6: È una presenza all’interno dell’area anche se fatica fisiologicamente contro Pleiss. Le sue stoppate tengono in vita i biancorossi.

Michael Roll 5.5: Gioca un ottimo primo tempo, poi sparisce un pò dalle rotazioni e dal gioco in generale.

Sergio Rodriguez 6: Inizialmente non ha feeling con il canestro e cerca i compagni, poi ha qualche spunto ma non è la sua miglior partita.

Kaleb Tarczewski 4: Non sa gestire falli e nervi. La prova di Pleiss ha anche la sua firma e serve ben altra gestione se vuole sostituire degnamente Gudaitis.

Nemanja Nedovic 5.5: i falli lo limitano molto. Trova qualche conclusione pesante importante, ma va troppo a strappi.

Aaron White 6: la prima confortante partita europea. Nel primo tempo è una presenza importante, poi nel secondo sparisce un pò.

Jeff Brooks 7: Le cifre e il suo approccio sono i migliori dell’Olimpia per 40 minuti. Avrebbe anche la tripla per riaprirla definitivamente ma la sua prova è ottima.

Luis Scola 4.5: Non è la sua serata. Sui pick and roll difensivi l’Efes banchetta e anche in attacco non trova mai soluzioni.

 

Anadolu Efes Istanbul

Shane Larkin 7.5: È una spina nel fianco per la difesa da quando entra in campo e nel quarto periodo è il rebus meno risolvibile per l’Olimpia.

Rodrigue Beaubois 6.5: Non forza nulla, inizia molto forte poi lascia che i compagni dominino la scena.

Chris Singleton 6.5: molto presente sia in attacco che in difesa e la tripla finale che affossa l’Olimpia è un chiodo pesante sul match.

Sertac Sanli 6: in 11 minuti fa il suo. Tira anche forse più del lecito, ma è presente.

Tibor Pleiss 8: È il dominatore della serata con 14 punti e 12 rimbalzi. Punisce ogni spazio che ha vicino e lontano da canestro.

Vasiljie Micic 5.5: Non è la sua miglior partita della stagione, fatica molto ma nel secondo tempo perlomeno crea per i compagni.

James Anderson 5: presenza tangenziale al match.

Alec Peters 6: poco appariscente, ma utile in molti aspetti del gioco e anche in grado di punire alla bisogna.

Krunoslav Simon 4.5: In difesa è sempre in ritardo e in attacco non riesce mai a trovare soluzioni e a rendersi pericoloso.