Eurolega: poker di Shane Larkin, è ancora lui l’MVP

140
Larkin

Niente da dire e poco da fare. La difficoltà delle sfide aumenta e l’organizzazione delle difese avversarie migliora, ma è sempre e comunque Shane Larkin a farla da padrona, è sempre lui l’MVP del turno. Quarto premio di giornata consecutivo, ciò lascia presagire che anche il riconoscimento finale di fine stagione sembra essere già più che prenotato.

Nella sfida al vertice al Real Madrid, Larkin riesce a non scendere di livello e, anzi, rilancia. Sul parquet fa davvero quello che gli pare, trascinando l’Efes verso una vittoria che diventa un segnale molto forte a tutte le avversarie dirette. Il cronometro si ferma quando di punti a referto ne ha messi 32. Solo quattro tiri sbagliati in tutto il match, percentuali irreali: 5/8 da due, 5/6 da tre e 7/7 ai liberi. Aggiungeteci 3 rimbalzi, 4 assist e 2 recuperate, toglieteci 5 perse e ottenete 36 di valutazione, un numero normale per i suoi standard. Se il suo rendimento continua ad essere questo, rischia di essere un assassino per la competizione in questa Euroleague.