L’Eurolega si avvicina al rush finale: quale quota per i playoff?

78
Foto di Alessia Doniselli

La stagione di Eurolega è lunghissima, con le sue 34 giornate, ma ha superato già da alcuni turni la boa di metà regular season. La situazione di classifica è ancora piuttosto intricata, quando mancano 14 turni alla fine, anche se alcune squadre hanno già un piede nei playoff: le prime cinque (Efes, Real, Maccabi, Cska e Barcellona) sembrano al riparo da possibili sorprese. Ma le altre? Attualmente al settimo e ottavo posto ci sono Valencia e Milano appaiate, con un record di 10-10.

L’Eurolega e la quota playoff nella nuova era

Quale sarà la quota playoff? Per poter dare un’ipotesi percorribile, bisogna spostarsi nel recente passato, cioè nelle prime tre stagioni della ‘new Era’ della massima competizione continentale. Nelle prime due stagioni sono servite 16 vittorie per andare ai playoff, mentre lo scorso anno ne sono bastate 15. Però si giocavano 30 giornate e non 34, come avviene per la prima volta quest’anno. Dunque, il numero probabilmente sarà più alto.

Curiosamente, in tutte e tre le stagioni passate, l’ottava classificata aveva 8 vittorie ed 8 sconfitte a 14 giornate dalla fine, cioè un record del 50%, proprio come sta accadendo ora allo stesso punto della competizione. Dunque, per entrare tra le magnifiche otto, sono state aggiunte sette o otto vittorie nel corso delle ultime quattordici partite.

La quota playoff per l’Eurolega 2019/20

Traslando questi numeri sulla stagione in corso e partendo, dunque, dalle 10 vittorie attuali di Valencia e Milano, dovrebbero servire tra 17 e (più probabilmente) 18 successi complessivi per conquistare l’ottavo posto. Poi, ovviamente, si tratta solamente di una previsione statistica e, dunque, potrà essere anche una vittoria in più o una in meno, a seconda di eventuali grandi rimonte o crolli di qualche squadra. Però appare una cifra abbastanza veritiera, su cui poter iniziare a fare i conti per squadre e tifosi.