Eurolega WeRef: troppi errori! Topics arbitrali #7

322
Eurocup

Ci siamo lasciati con i topici arbitrali prima della settimana di “coppe” con alcune considerazioni: troppe partite per pochi arbitri? Lunghi viaggi? Difficoltà di recupero? Scarsa fiducia nei compagni? In ogni domanda c’è la risposta. Le terne spesso sono squilibrate ed ormai abbiamo arbitri che fischiano in qualunque parte del campo da qualunque posizione. Se fate attenzione al movimento della loro testa e dei loro occhi vi accorgerete che cercano di coprire tutto il gioco. È chiaro che se la chiamata è corretta, sia i protagonisti che il pubblico (televisivo) possono non accorgersene.

L’aiuto è un fondamentale della meccanica arbitrale e quando per un arbitro si chiude una porta per un altro si apre una finestra. I problemi cominciano quando l’aiuto che arriva è inutile o addirittura sbagliato. I sottili meccanismi che tengono in piedi il lavoro di squadra possono incepparsi e rompersi, qualche arbitro più giovane può perdersi e sparire dalla partita. In questa stagione abbiamo assistito a più di una situazione imbarazzante, a volte divertente e ben risolta altre con chiamate inesistenti o vere e proprie prevaricazioni dei compagni o con decisioni corrette trasformate in errate.

Fenerbahce-Zenit:

Dopo il minuto di sospensione Lamonica si appresta ad amministrare il salto a due. Controlla che i giocatori siano a posto ma prima di alzare la palla viene fermato da Ryzhyk che, sorridendo sornione, gli fa notare che vorrebbe alzare la palla stando sul lato sbagliato. Dopo il salto a due troviamo, per alcuni secondi, due arbitri coda ed un guida, segno che il livello di concentrazione non è ancora tornato sugli standard.

Bayern-Alba:

L’inutile rotazione del guida (Laurinavicius) fa muovere il centro (Gkontas) mentre arbitra l’uno contro uno sulla linea laterale. Gkontas, mentre si muove all’indietro, non si accorge che Lo mette un piede fuori per liberarsi di Weiler-Babb. L’azione successiva Lucic si arresta e cerca un tiro sul gomito dell’area, ma va ad infrangersi su Olinde che salta verticale! Gkontas dalla linea di fondo fischia un fallo della difesa lasciando di sale i compagni e molti giocatori. In fondo al replay si può notare anche il piede fuori di Lo nell’azione precedente. Da due banali errori di meccanica nascono un canestro da 3 punti e un fallo difensivo da 2 tiri liberi. Il fischio dell’arbitro che non può vedere è la ciliegina sulla torta.