In NBA è cambiato il modo di arbitrare? Analisi dei numeri del trend

85
NBA
LeBron James, Los Angeles Lakers; IPA Agency.

Ultimamente in NBA si era vociferato di alcune modifiche al regolamento o al modo di arbitrare, che negli ultimi anni stava tutelando sempre di più gli attacchi e sfavorendo le difese. Ora, pare finalmente che quel cambiamento sia arrivato.

Nelle ultime stagioni stavamo assistendo più che mai a clamorose prove offensive, capaci di riscrivere la storia del gioco. Tuttavia -senza mettere in dubbio l’infinito tasso di talento che c’è oggi nella lega- ci doveva essere un motivo per il quale il numero di giocatori capaci di mettere a segno cinquanta, sessanta o addirittura settanta punti in una partita stesse aumentando così drasticamente: dal 1946 (anno di nascita dell’NBA sotto il nome di BAA) fino al 2022, solamente 6 giocatori erano riusciti a segnare almeno 70 punti in una partita. Nelle ultime due stagioni, invece, abbiamo assistito a ben 4 performance di questo calibro: Mitchell e Lillard l’anno scorso, Embiid e Doncic quest’anno.

Leggi anche: NBA: le 10 (+2) migliori prestazioni di tutti tempi

Come dicevamo, però, ci doveva essere un motivo per il quale questo tipo di performance stavano diventando sempre più frequenti e, più in generale, i punteggi delle partite stavano crescendo così tanto. La causa si trova in quella tutela da parte degli arbitri nei confronti degli attaccanti, che riescono quindi a guadagnare molti più tiri liberi: Embiid nella gara da 70 punti contro gli Spurs ha segnato ben 21 tiri liberi; Doncic nella notte da record contro gli Hawks, ha raccolto 15 dei suoi 73 punti dalla lunetta.
Negli ultimi mesi però la tendenza era diventata insostenibile e si era quindi iniziato a parlare di una modifica nel modo di arbitrare o addirittura nel regolamento, per la quale sarebbe verosimilmente stato necessario aspettare la fine della stagione corrente.

1
2
3
Tommaso Busato
Laureato in Comunicazione all'Università di Padova. Grande appassionato di sport e dei valori che trasmette, specialmente di NBA, rugby e tutto ciò che ambisce alla grandezza. Afflitto da inguaribile curiosità, in particolare per le statistiche e i dettagli.