L’Italia difende, vince e convince: Turchia ko a Pesaro. Le pagelle

1648
Italia Turchia

Una bella Italia inizia con il piede giusto le qualificazioni ad Eurobasket 2025: gli azzurri, escluso un avvio un po’ lento, comandano sempre con discreta autorità sulla Turchia (87-80), mantenendo una costante doppia cifra di vantaggio. Debutto di grande livello da capitano per Melli (17 punti nel primo tempo), ma è una partita di buon livello da parte praticamente di tutti, partendo dal lavoro in difesa di Pajola, la battaglia di Ricci, il talento di Mannion o le giocate atletiche di Polonara. La squadra di Pozzecco così trova i primi due punti in classifica, contro quella che è l’avversaria più pericolosa del girone, ed ora si prepara per il viaggio in Ungheria (ko oggi in Islanda), per la seconda gara di domenica (ore 18 italiane).

L’avvio è targato Biberovic, con tre triple in 5 minuti, per dare il vantaggio esterno di 8 punti (7-15 al 5’), ma gli azzurri tornano subito sotto, con l’ispirazione offensiva di Melli e la difesa di Pajola. La gara è di nuovo in parità al primo intervallo, poi arriva l’allungo italiano, con i recuperi ed il contropiede, sfruttati da Polonara (36-28 al 14’). Il 2+1 di Melli vale il primo +10, poi è un continuo tira e molla, con l’Italia sempre attorno alla doppia cifra di vantaggio. Le giocate atletiche di Procida, un Tonut più preciso e, soprattutto, il lavoro sui due lati del campo di Ricci permettono agli azzurri di restare in controllo, nonostante un tentativo di rimonta finale dei turchi. La chiude definitivamente Spissu ed è festa azzurra.

Italia-Turchia: le pagelle del match

Spissu 6.5 – Una partita diligente per il giocatore della Reyer, senza forzature. E, nel finale, ci sono due canestri chiave per respingere la rimonta turca.

Mannion 6.5 – Problemi di falli, ma fa valere il talento, con più di una giocata al ferro creando anche per i compagni.

Tonut 6.5 – Nel primo tempo litiga un po’ con i ferri, cresce nella ripresa trovando punti e lavorando con efficacia dietro. Un paio di recuperi e difese chiave nel finale.

Melli 7.5 – Il primo tempo da capitano azzurro è di quelli superlativi, con 17 punti, poi nella ripresa non trova più il canestro, ma in difesa è sempre un fattore.

Flaccadori sv – Solo un paio di minuti sul parquet.

Tessitori sv – Un canestro in cinque minuti in campo.

Ricci 7.5 – Due suoi canestri lanciano la rimonta iniziale, poi nel secondo tempo è il grande protagonista della serata, con il lavoro a rimbalzo e la difesa. Oltre a 5 punti in avvio di quarto periodo.

Polonara 6.5 – Va in contropiede con grande efficacia, prende anche 4 rimbalzi

Severini ne

Procida 6.5 – Dietro va spesso in difficoltà contro Biberovic, ma in attacco ed a rimbalzo fa valere tutto il suo atletismo.

Pajola 7 – Ogni volta che è in campo, la difesa sale di tono. Cambia l’inerzia della gara quando entra nel primo quarto, piazza anche un paio di canestri.

Petrucelli 6.5 – Come il ‘compare’ Pajola, anche lui è uomo chiave in difesa.

Fabio Cavagnera
Lo sport ed il basket sono da sempre la mia passione, diventati poi il mio lavoro, da ormai il lontano 1998 (eh già, sono quasi tra gli 'anziani'). E Backdoor Podcast lo ritengo un mix tra passione e qualità.