La grande rimonta del Panathinaikos, in fuga da Belgrado

111
Panathinaikos
Credits IPA Agency

IL Panathinaikos ha realizzato una grande rimonta nel finale di gara-4 grazie al solito sospetto, Kostas Sloukas, e ha riottenuto il fattore campo battendo il Maccabi 95-88. La qualificazione alle Final Four passerà, quindi, attraverso una OAKA Arena molto calda. I biglietti sono in vendita da oggi e il tutto esaurito è questione di ore.

Primo tempo

A differenza delle partite precedenti, il Panathinaikos ha iniziato molto bene la partita, trovando un Kendrick Nunn dal ritmo molto buono nel primo quarto. I greci sono andati in vantaggio di 8 punti (12-20) al 6° minuto, avendo completamente imposto il proprio ritmo. La difesa era aggressiva, l’attacco aveva trovato flusso e riusciva a controllare la partita. Le condizioni non ottimali di Baldwin hanno giocato un ruolo in questo, portando più danni che vantaggi alla sua squadra. Kattash lo ha capito e ha dato fiducia alla second unit, che ha avuto una migliore performance in campo.

Blatt e DiBartolomeo hanno dettato il ritmo, e il Maccabi ha contrattaccato dal perimetro con le triple. Entrambi sono stati i giocatori chiave per gli israeliani per cambiare l’inerzia della partita al “Aleksandar Nikolic Hall”. Gli israeliani hanno così prodotto un parziale di 17-6 (!) e chiuso il quarto a +3 (29-26), avendo 8/11 tiri da due e 4/7 da tre. Rispettivamente i Verdi (Nunn 11p.) hanno segnato nello stesso periodo 9/12 tiri da due e 1/3 da tre.

Nel secondo quarto, lo stesso scenario è continuato con le due squadre che si sono riavvicinate nel punteggio. Senza che nessuna di loro riuscisse a ottenere un grande vantaggio. Dalla parte del Panathinaikos Sloukas, Lessort e Mitoglou hanno preso il posto di Kendrick Nunn per portare equilibrio al gioco. Il Maccabi è riuscito a prendere il comando 40-36 con 3:35 rimasti prima dell’intervallo. Punteggio che è diventato 50-46 poco prima della fine del primo tempo, prima che Nunn segnasse (16pt., 4/4d., 2/ 4tr., 2/2b., 3rimb., 2ass.) con un tiro da tre sulla sirena per il 50-49 all’intervallo.

Dopo due quarti, il Maccabi (DiBartolomeo 10 punti) ha fatto registrare 12 assist con una palla persa, così come 14/20 tiri da due, 5/15 da tre, 7/11 tiri liberi e catturato 13 rimbalzi. Allo stesso modo, il Panathinaikos ha segnato 16/21 tiri da due, 3/8 da tre, 8/11 tiri liberi e  catturato15 rimbalzi nel primo tempo.

Secondo tempo

I verdi hanno cercato di essere più aggressivi in difesa e hanno trovato due triple con Papapetrou e Sloukas portando il punteggio a 50-55 al 21′, ma il ritorno del Maccabi è stato immediato con un 5-0 da Colson e Brown per il 55-55 un minuto dopo. Ataman ha fatto entrare Kalaitzakis al posto di Brown e la difesa della squadra greca è migliorata molto. Tuttavia, la partita è andata punto a punto e il vantaggio è cambiato di mano. Un tiro da tre segnato (da Mitoglou) e uno indiretto (tre liberi di Sloukas) hanno portato il Panathinaikos a +6 (68-74) poco prima della fine del 3° periodo (69-74).

Anche se sembrava che il Panathinaikos avesse l’inerzia della partita, è stato il Maccabi a rispondere con un parziale di 10-0, trasformando il 68-74 in 78-74 al 32′. Poi il parziale è diventato 14-1 (!), con la squadra di casa che ha completamente preso il controllo della partita e conduceva di sette punti (82-75) con 6:27 rimasti nella partita. Nunn e Papapetrou hanno mantenuto il Panathinaikos entro un solo possesso di svantaggio (86-85 al 37′), la difesa greca ha agito e Kostas Sloukas si è caricato la squadra sulle spalle per il +5 (88-93) al 39′.

La risposta

Avevo scritto nell’articolo precedente che speravo che la mia previsione andasse a monte, e sono felice che sia successo! Dan Cook, un giornalista del San Antonio News-Express, ha detto una volta (nel 1976) che “la partita non è finita finché la grassa signora non canta”…

Capisco perfettamente che molte persone dicano e scrivano molte cose positive su Kendrick Nunn e Kostas Sloukas, e tutti questi commenti sono meritati, ma devo dire che il vero fattore X di questa serie è Ioannis Papapetrou. Ha avuto una stagione difficile con un brutto infortunio, e come sapete, già così è estremamente difficile essere parte della rotazione di Ataman. Papapetrou ha dimostrato di dover far parte della rotazione, confermandosi un giocatore con una preparazione mentale estremamente buona. Non dimentichiamo la sua carriera e i suoi successi prima di unirsi al Panathinaikos.

Vale la pena notare anche che Juancho Hernangomez sta tornando ad Atene e si sente meglio. È stato ricoverato in ospedale per 8 giorni e non si è allenato, quindi al momento lo scenario che giochi in gara-5 sembra improbabile.