Le polemiche del Pana non fermano il Maccabi: F4 ad un passo

281
Maccabi
Credits EuroLeague

Il Maccabi Tel Aviv è a un passo dal Final Four di Berlino! Josh Nebo (22 punti) ha guidato gli israeliani verso una vittoria (85-83) contro il Panathinaikos (2-1) nei playoff di Eurolega.

Il Panathinaikos è riuscito a tornare in gioco dopo che la partita sembrava persa per più di tre quarti, riuscendo a recuperare dal -18. Negli ultimi secondi del match, Kendrick Nunn non è riuscito a segnare per rubare la vittoria, e il Panathinaikos giocherà un match decisivo giovedì. I greci non erano molto preparati (principalmente a livello mentale), e di conseguenza il Maccabi Tel Aviv ha preso il comando molto presto.

Il primo tempo

Come in gara 2, il Maccabi è entrato in campo con un ottimo avvio e si è trovato in vantaggio 7-0 al secondo minuto. I gialloblù hanno costretto il Panathinaikos a fare scelte sbagliate con la loro dura difesa. Con l’ingresso di Papapetrou e Sloukas, i verdi hanno bilanciato il gioco, riducendo il punteggio a 13-11. Allo stesso tempo, Lessort ha mancato l’opportunità di pareggiare dopo uno 0/2 ai tiri liberi. Da lì è seguito un parziale di 8-0 del Maccabi, con il Panathinaikos che ha avuto scarse opzioni in attacco, mentre subiva punti soprattutto sotto canestro. Ciò ha portato a un parziale definitivo di 10-0 degli israeliani, che hanno così spinto il punteggio a +12 (23-11) poco prima della fine del primo quarto. I verdi hanno chiuso il primo parziale di gioco con 3/14 da dentro l’area (3/10 da due e 0/4 da tre) e 2 assist con 2 palle perse.

La situazione non è cambiata nemmeno nel secondo quarto. Il Panathinaikos non è riuscito a trovare ritmo e ha pagato uno dopo l’altro gli errori difensivi. Sorkin e Webb sono stati i fattori X per mantenere il distacco a livelli elevati. Anche se alcuni tiri da tre di Vildoza hanno ridotto il distacco a sette punti (36-29), la continuità non è arrivata per i greci. Con pressione difensiva e un’enorme energia in ogni azione, il Maccabi ha portato il vantaggio a 15 punti (46-31 al 19′), ma due triple di Mitoglou e Nunn hanno fatto scendere il difetto nel punteggio a 9 punti (46-37).

Nel primo tempo, il Panathinaikos (Mitoglou 7p., Papapetrou 7p., Nunn 8p.) ha prodotto numeri da 8/18 da due, 5/13 da tre, 6/10 ai tiri liberi, 15 rimbalzi e 9 assist per 6 palle perse, mentre rispettivamente il Maccabi (Nebo 9p.-5rim., Webb 7p., Colson 7p.) ha registrato un 16/23 da due, 2/10 da tre, 8/9 ai liberi, 18 rimbalzi e 12 assist per solo 2 palle perse.

Il secondo tempo

Nel terzo quarto non è cambiato molto. Il Maccabi ha iniziato con un parziale di 9-0 e ha preso un vantaggio di 18 punti (57-39)! Gli israeliani hanno reclamato tutti i palloni con un’energia incredibile, mentre al contrario i verdi hanno presentato molti problemi in difesa e in attacco. Naturalmente, nella parte finale del terzo quarto, il Panathinaikos con un altro parziale di 9-0 è riuscito a ridurre il distacco a 8 punti (64-56), ma una tripla di Lorenzo Brown alla fine ha portato il punteggio a 67-56.

Nell’ultimo parziale di gioco il Panathinaikos ha cercato una grande rimonta, riducendo il distacco a 6 punti (69-63 al 31′). Tuttavia alcuni dettagli, combinati alle eccellenti prestazioni di Brown e Nebo, hanno riportato il match a +13 (78-65) ini favore degli israeliani al 34° minuto. Il Panathinaikos ha fatto un grande sforzo e ha ridotto il distacco ad un solo punto (83-82 al 39′), grazie alla buona streak di Kendrick Nunn, che l’ha presa molto personalmente.

Il punteggio è stato poi pareggiato a 83 punti, per arrivare ad un cruciale rimbalzo mancato dal Panathinaikos che ha portato ad una palla a due con 15” rimasti nella partita. Il Maccabi ha avuto l’ultimo attacco della partita tra le mani. Grant ha commesso fallo su Brown con 2.4 secondi rimasti nella partita. L’americano ha segnato 2/2 per portare il punteggio a 85-83. I verdi avevano il tiro vincente tra le mani, ma Nunn ha mancato il bersaglio.

La risposta

Spero che la mia previsione vada fuori dagli schemi e entrambe le squadre greche si qualifichino per le Final Four, ma è evidente che la preparazione mentale del Maccabi sia decisamente migliore rispetto a quella Panathinaikos. I verdi sembrano molto stanchi, e non credo che possano reggere l’energia degli israeliani. Il Panathinaikos sembra esausto, ma questa non dovrebbe essere una scusa: tutte le squadre sono molto stanche in questa fase della stagione. È interessante notare come la percentuale ai tiri liberi per il Panathinaikos sia molto deludente (42/66 tiri).

Il Maccabi, d’altro canto, ha una grande opportunità di viaggiare a Berlino a maggio. E sembra più pronto che mai.