LeBron James’ Home Court: il museo su LeBron James

Molto probabilmente era solo una questione di tempo ma ora, appena iniziata la 21a stagione da professionista in NBA, LeBron James ha deciso che è arrivato il momento di celebrare il suo lungo percorso che da Akron in Ohio lo ha portato a essere una delle più grandi leggende non solo della pallacanestro, ma anche dello sport mondiale. Non a caso sarà proprio la sua Akron che accoglierà il “LeBron James’ Home Court“, il primo museo interamente dedicato alla storia del campione dei Lakers. La data d’inaugurazione è fissata per il 25 novembre e il museo sarà allestito all’interno dei locali della “LeBron James Family Foundation”.

Questo museo sarà un modo per ricostruire la vita e la carriera di LeBron: 25 anni di pallacanestro, a partire dai 4 di St. Vincent & St.Mary’s High School. Un’esperienza multimediale, con tutte le tappe e i record raggiunti da James: memorabilia fin qui custodite in forma privata, trofei, maglie del liceo e del McDonald’s All American Game, l’abito indossato il giorno del Draft 2003, e una ricostruzione dell’appartamento in cui viveva con la madre e del campo in cui giocava al liceo.

Tutto sempre pensando agli altri, visto che il ricavato della vendita dei biglietti (23 dollari, esattamente come il suo iconico numero di maglia) sarà interamente devoluto a favore di “I Promise“, iniziativa sempre curata dalla fondazione che fa capo a LeBron James da ormai diversi anni che si occupa di supportare studenti e famiglie in difficoltà nell’Ohio e non solo.

Le parole di LeBron James a proposito di questa iniziativa

Il mio sogno è sempre stato quello di mettere Akron sulla mappa, quindi avere un posto nella mia città natale che mi permetta di condividere il mio viaggio con i miei fan da tutto il mondo significa molto per me. È noto che nel corso degli anni ho sempre atteso il momento e ho sempre saputo che ci sarebbe stato un tempo e un luogo per fare emergere le cose. Sono così orgoglioso che quel posto sia oggi House Three Thirty, uno spazio creato dalla mia fondazione per servire le mie famiglie della ‘I Promise‘ e l’intera comunità.

 

Stefano Sanaldi
Stefano Sanaldi
Quello con la palla a spicchi è stato amore a prima vista. Una volta appese le scarpe al chiodo, ho deciso di allenare le nuove generazioni per rimanere in questo fantastico mondo. E poter scrivere di pallacanestro è un piacere e un onore.