Legabasket, Alma Trieste: dalla promozione ai playoff

220
Pagina Facebook Alma Pallacanestro Trieste

L’Alma Trieste torna in serie A dopo 14 anni e per la società la stagione 2018/2019 doveva rappresentare ufficialmente la rinascita.
In quanto neopromossa il principale obiettivo per la società triestina era la salvezza, ma già dal mercato estivo si poteva intuire che la squadra di coach Dalmasson non si sarebbe accontentata di così poco.

Pagina Facebook Alma Pallacanestro Trieste

UN MERCATO PER PUNTARE IN ALTO

La società fin dall’estate non ha nascosto che, nonostante l’obbiettivo fosse la salvezza, si puntava a far tornare la squadra triestina dove conta provando a raggiungere fin da subito un ottimo piazzamento in classica e queste intenzioni della società furono evidenti già dal mercato estivo.

Dalmasson mantiene la panchina e gli viene rinnovata la fiducia nonostante il salto di categoria, oltre a lui viene mantenuta una solida base di italiani che trova in Cavaliero e Fernandez due giocatori esperti e pronti alla serie A e in Cittadini, Da Ros e capitan Coronica dei validi rincalzi anche se non completamente pronti per il grande salto.
Gli acquisti si dimostrano tutti di alto livello ed esperienza per una neopromossa: entrano in roster Peric e Wright, due giocatori molto esperti del nostro campionato con la capacità di guidare i giovani, Strautins e Knox dalla appena retrocessa Capo d’Orlando con una grande voglia di rivalsa.
La società “pesca” bene anche in A2 riuscendo a portare a Trieste Sanders e Mosley che avevano mostrato le loro qualità l’anno prima rispettivamente a Casale e Legnano e dimostrano fin da subito di poter dire la loro persino nel massimo campionato.
L’unico giocatore che entra in squadra senza alcuna esperienza in Italia è Devondrick Walker, acquistato dalla G-League, ma non riesce ad amalgamarsi al resto del gruppo e ad entrare negli schemi del coach e quindi viene ceduto già a gennaio.
A causa di una serie di infortuni e della mancanza di un vero giocatore nel ruolo di quattro, Trieste acquista a ottobre Silins con un contratto a gettone della durata di due mesi; il lettone scaduto il suo contratto non viene riconfermato e, lasciata Trieste, firmerà sempre in Italia a Avellino.
A gennaio per via delle partenze di Silins e Walker e per puntare più in alto rispetto ad una semplice salvezza la società triestina firma Zoran Dragic, in un primo momento gli viene fatto un contratto “in prova” ma dopo aver capito che il giocatore poteva ancora rendere al meglio in serie A viene firmato fino a fine stagione. La squadra acquista così un altro giocatore di grande esperienza, fondamentale per completare un gruppo già solido e provare a puntare ai playoff.

Pagina Facebook Alma Pallacanestro Trieste

UNA STAGIONE PER STUPIRE

La stagione dell’Alma Trieste inizia piano con due vittorie nelle prime sei partite anche a causa di qualche acciacco e poichè la squadra è al suo ritorno in A dopo quattordici anni deve, quindi, ambientarsi al grande salto.
Recuperati gli infortunati la squadra mette in mostra tutte le sue capacità e fa valere il fattore campo di un palazzetto sempre sold out e, anche grazie a ciò, riesce a vincere persino contro squadre più forti e organizzate come Trento, Cantù e Avellino, mentre fuori casa non riesce a rendere allo stesso modo perdendo la maggior parte delle partite fuori dalle mura amiche.
La squadra prosegue dunque la sua stagione in maniera altalenante allontanandosi comunque sempre di più dalla zona a rischio retrocessione.
Il 28 Marzo, qualche giorno dopo una convincente vittoria contro Cantù, la società è scossa da un vero e proprio terremoto. Il presidente della squadra e capo del main sponsor Alma, Luigi Scavone, viene arrestato per frode fiscale e si teme per la squadra che potrebbe non riuscire a finire la stagione e a pagare i giocatori per via dei debiti del presidente.
L’amministratore delegato Mauro smentisce immediatamente ogni tipo di voce, poiché la squadra di Trieste non è sotto indagine e non rischia di essere forzatamente esclusa dal campionato, Mauro non nasconde però che la perdita del main sponsor sia un duro colpo e la società deve quindi trovare dei fondi per gli stipendi e per portare a termine la stagione cercando poi, in estate, di trovare un nuovo socio di maggioranza.
Le finanze per concludere senza intoppi la stagione vengono racimolate e la squadra, anziché disgregarsi e puntare alla semplice salvezza senza rischiare di arrivare ai playoff per poi dover ricostruire di nuovo tutto, si compatta e ottiene quattro vittorie di fila anche contro squadre, sulla carta, più forti fermandosi solo contro una combattiva Brindisi. Arrivan così al settimo posto, in piena corsa per i playoff e con la forza e la consapevolezza di essere un gruppo con le qualità e le capacità di affrontarli non come una semplice comparsa.

siAMOtrieste – Alma Pallacanestro Trieste vs Grissin Bon Reggio Emilia

L'OTTAVA MERAVIGLIA DEL MONDO SIETE VOI ❤️⚪️🔴E domani ancora più forte, tutti in palazzo! Riempiamo l'Allianz Dome!Ci sono ancora biglietti a disposizione, non potete mancare 🔥💪🏼#soloinsiemesiamotriesteBiglietteria aperta oggi venerdì 19 aprile, in via Flavia 3, dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 19.

Pubblicato da Pallacanestro Trieste su Giovedì 18 aprile 2019