Legabasket: Avellino non trema e vince contro Milano, Sassari chiude la serie

126
Pagina Facebook Olimpia Milano

Vincono Avellino e Sassari rispettivamente contro Milano e Brindisi. Gli isolani chiudono subito la serie sul 3-0 mentre Avellino ha la possibilità di eliminare la capolista in gara 4 davanti al suo pubblico.

AVELLINO NON SI SPAVENTA E BATTE MILANO

Sykes sblocca il primo quarto che si caratterizza di molti errori da parte dei milanesi che vengono sfruttati da Avellino per portarsi sul +6, ma Jerrells accorcia subito le distanze. Milano tira solamente da 3 e i continui errori consentono ad Avellino di allungare di nuovo e la schiacciata di Harper sigla il +7 dopo 4 minuti. A causa di una lunga serie di errori i milanesi non riescono a concretizzare gli extra possessi ottenuti grazie a degli ottimi rimbalzi offensivi evidenziando il momento non sereno della squadra. A 5 minuti dalla fine del primo quarto entra in campo Nedovic dopo un infortunio che lo aveva tenuto a lungo lontano dal parquet. La schiacciata di Young firma il +11 a 4 minuti dalla fine, Milano non ci sta e cerca di recuperare con Cinciarini che mette a segno 2 triple ma gli irpini rispondono colpo su colpo. Brooks, Cinciarini e Tarczewski guidano la rimonta dei biancorossi che chiudono il quarto sotto di soli 3 punti (21-18) nonostante la doppia cifra di vantaggio degli irpini.

Il secondo quarto si apre con una serie di errori da entrambe le parti che si conclude con 2 punti segnati da Nichols a cui risponde il solito Cinciarini. Filloy e Young portano Avellino nuovamente sul +7 ma la partita si ferma per un infortunio subito dallo stesso Young. Il quarto prosegue molto bilanciato da entrambe le parti con Milano che non riesce a recuperare e persiste nel tirare da 3 nonostante gli errori. Sykes sale nuovamente sugli scudi e con 5 punti porta Avellino sul +12 firmando il massimo vantaggio. I biancoverdi pressano in difesa e inducono spesso Milano a tiri forzati che non si fermano contro il ferro . Nunnally e Jerrells segnano 2 triple riportando Milano ad una sola cifra di svantaggio, ma un errore difensivo imbarazzante consente a Filloy di segnare due punti facili e il quarto si chiude 39-29.

Il secondo tempo del match inizia con due punti di Sykes che arriva in doppia cifra di punti segnati, Cinciarini e Micov accorciano le distanze portando Milano sul -6, Harper cerca di ristabilire le distanze ma la schiacciata di Tarczewski da la carica a Milano che riesce a tornare sotto di soli due possessi. Nedovic rientra in campo e con un canestro e una palla recuperata dopo una buona difesa riporta a la sua squadra a -2 e, dopo un errore di Filloy, segna in 1vs1 il canestro del pareggio obbligando Maffezzoli al time out. Udanoh interrompe il parziale dei meneghini portando Avellino sul nuovo +2 di vantaggio.
Milano alza il livello della difesa e Sykes innervosito da una palla persa commette un fallo antisportivo che consente a Milano di portarsi sul -1. Young prova a rientrare in campo ma il dolore del primo tempo, probabilmente al ginocchio o a causa della sua fascite plantare, si riacutizza ed è costretto a lasciare il campo. Tarczewski segna 4 punti di fila e Milano si porta sul +1 a 30 secondi dalla fine del quarto che si conclude proprio 49-50 per i meneghini.

L’ultimo quatto inizia con Milano che allunga a +3 ma Udanoh risponde immediatamente. Jerrells continua a tirare da 3 e con una tripla messa a segno Milano tenta nuovamente l’allungo ,ma Sykes e Filloy non ci stanno e con un gran canestro di quest’ultimo Avellino si riporta sul -2. Nella metà campo difensa l’italo-argentino commette un incosciente fallo antisportivo che viene concretizzato da capitan Cinciarini. Filloy rimedia al suo precedente errore infatti, dopo un’eccellente difesa, l’italo-argentino segna la tripla che pareggia la partita e recupera un importante pallone che viene sfruttato da Harper per portare Avellino sul +2 obbligando Pianigiani a chiamare “minuto”. Harper è in stato di grazia e con una tripla porta Avellino sul +5. Il match diventa sempre più teso e vengono fischiati 5 falli di fila di cui un tecnico per Nedovic poiché, frustrato, si era infuriato con gli arbitri per un fallo in attacco. Nichols concretizza il tiro libero e Filloy con una tripla ipoteca la vittoria portando gli irpini avanti di 10 (68-58). Milano ci prova ma non riesce a rientrare in partita, Brooks perde le staffe e gli viene fischiato un fallo in attacco che, praticamente, segna la fine del match. Milano continua ad attaccare ma non concretizza nessuna finalizzazione, Avellino vince gara 3 con il punteggio di 69-62 e si porta in vantaggio 2-1 nella serie.

L’Mvp della gara Ariel Filloy suona la carica a fine partita:  “ Sarebbe bellissimo vincere gara 4 davanti al nostro gruppo, è stata una stagione molto sofferta con tanti problemi , ma siamo riusciti ad acciuffare i playoff e ora ce li stiamo giocando senza paura contro la prima in classifica, rimanendo uniti e giocando anche abbastanza bene”.

Pagina Facebook S.S. Felice Scandone Avellino 1948

 

 

DAGLI ALTRI CAMPI: SASSARI CORSARA A BRINDISI CHIUDE LA SERIE

Nella seconda partita della serata Sassari si impone 87-92 fuori casa contro Brindisi e chiude la serie sul 3-0 senza concedere neppure una vittoria agli avversari e dimostrando ancora una volta di trovarsi in un magnifico momento di forma; si allunga infatti a 19 la striscia di partite senza una sconfitta per i sardi (12 di queste in campionato).
Tra i sardi hanno registrato delle ottime prestazioni in questa partita Cooley, che ha sfiorato la doppia doppia, e Thomas mentre tra i padroni di casa il migliore è stato capitan Banks che ha tentano in ogni modo di tenere a galla la squadra e di ottenere la vittoria fallendo però il tiro che avrebbe potuto portare la partita all’over time.

La squadra di Pozzecco è quindi la prima semifinalista e dovrà affrontare la vincente tra Milano e Avellino.

Pagina Facebook Dinamo Sassari Official