Legabasket: Banks è una stufa e la F batte Brescia, le pagelle

89
Banks
Fonte Foto | Twitter LBA

All’Unipol Arena sfida importante tra due squadre che dondolano tra salvezza e ottavo posto playoff. La Fortitudo sembra aver apparentemente risolto la questione stipendi. Brescia vuole evitare una nuova crisi, dopo le 3 sconfitte in fila. Nel primo quarto alte percentuali al tiro, con Bologna che chiude avanti di +7. Seconda frazione dove la Germani alza il ritmo in difesa e grazie a troppi extra possessi concessi, all’intervallo gli ospiti sono avanti sul 44-37. Rientro dagli spogliatoi con parziali alternati tra i due roster, chiudo dalla tripla di Banks sulla sirena. Sempre Banks è il protagonista assoluto, con 13 punti nell’ultimo parziale. Non basta la press di Buscaglia, Bologna batte Brescia 88-78.

Fortitudo Bologna

A. Banks 8,5: faro in attacco, dove però perde palle sanguinose intestardendosi col palleggio. Questi sono gli errori che gli potevano regalare un voto più alto. 9/11 da tre. Si fa trovare sempre pronto dall’angolo dove Baldasso lo serve puntualmente. 34 (massimo stagionale) i punti finali.

M. Fantinelli 6: una tripla importante, tanta difesa contro Chery e Vitali, così come tanti errori in fase di gestione del possesso.

T. Baldasso 8: dopo la grande prova nel derby, arriva la replica. Non dà moltissimo in difesa, ma in attacco segna e crea, nonostante l’evidente stanchezza sul finale.

D. Hunt 6: nullo a rimbalzo nei primi 20, più concentrato e attento nella seconda parte di gara. Circondato dai lunghi bresciani in attacco, fa quel che può, ma sbagliando spesso.

P. Aradori 6: ne gioca 30, con Dalmonte che gli preferisce spesso i 3 Banks, Baldasso e Fantinelli in campo insieme. Offensivamente parlando svolge il suo compito, anche se gira più spesso palla del solito (6 assist).

T.Withers 7,5: in dubbio la sua presenza fino a ieri, visto l’infortunio con Reggio Emilia. Gioca una delle sue migliori partite in maglia biancoblù, tralasciando i discorsi su quale sia il ruolo naturale, visto che pare evidente.

S. Mancinelli sv: al rientro dopo il lungo stop, non riesce ad andare oltre i 6 minuti di stop.

L. Totè sv: altro giocatore in dubbio nel pre gara. Sta in campo solo 8 minuti per problemi alla schiena.

M. Cusin sv: non giudicabili i suoi 7 minuti di gioco, dove viene messo in campo solo per dare fiato ad Hunt.

Pallacanestro Brescia

L. Vitali 7: nella prima metà fa tutto. Segna, assiste e soprattutto difende bene, sia negli 1vs1 che sui cambi. Nella seconda ci riprova, ma senza gli stessi risultati, anche se è la principale minaccia fortitudina.

K. Chery 6: importante nel dare il via al break del primo tempo. Nel secondo tempo si perde spesso Baldasso e Banks, ma è comunque una discreta risposta alla pessima prova con Trento.

J. Wilson 4,5: ok la presenza sotto canestro e i 6 rimbalzi, ma si chiama fuori dai giochi commettendo falli ingenui.

D. Willis 5: discorso simile a quello di Wilson, con l’unica differenza che Willis riesce a produrre qualcosa in attacco.

D. Crawford 6: bene nel primo tempo. Nella seconda metà non gioca con la stessa fiducia, che l’avrebbe potuto portare a replicare la buona prestazione dell’andata.

C. Burns 6,5: fattore sotto canestro. Un gradino sotto Vitali nei voti, ma comunque una buona prestazione, vincendo la sfida sotto canestro con Hunt e sfruttando più volte i mismatch nei cambi difensivi di Bologna.

T. Kalinoski 5,5: due triple importanti come sa fare nei primi 20 minuti. Poi si spegne inspiegabilmente nel tempo restante in campo.

D. Moss 5: si carica di falli nei primi 10 minuti in campo. Stesso discorso nel resto della partita dove sbaglia anche un libero nel momento clou.

B. Sacchetti 6,5: 4 triple in altrettanti momenti della partita. Poco altro nel resto della partita, che sembrava essere diventata questione famigliare.

G. Bortolani sv: dopo 4 minuti Buscaglia lo castiga, lasciandolo in panchina.