Legabasket: Grant e Melli domano la Virtus in gara 3, le pagelle

690
Olimpia Milano-Virtus Bologna gara 3

La prima partita ad alto punteggio della serie dovrebbe essere terra di conquista per la Virtus e invece è l’Olimpia a trovare realizzatori inaspettati con Grant e Melli che danno seguito al grande inizio di Shields. I biancorossi fanno gara di testa praticamente per tutto il match, scavando il solco a fine terzo quarto con le seconde linee e i canestri di Baldasso e Grant. Hackett è monumentale, Teodosic c’è sempre, ma in tanti nei bianconeri mancano colpevolmente. Finisce 94-82.

Virtus Bologna

Belinelli 6.5: 14 punti in 18 minuti abbastanza chirurgici, ma Scariolo sembra centellinarlo al massimo per problemi fisici (malessere in giornata) e difensivi.

Pajola 5: abbastanza assente e il suo plus minus di -22 la dice lunga sulla sua partita.

Alibegovic 5.5: pochi minuti in cui non fa neanche male.

Jaiteh 5: non riesce mai a finire con foga vicino al ferro anche sui mismatch se escludiamo un piccolo break nel primo tempo. Davvero troppo poco.

Shengelia 5.5: si fa innervosire nel secondo tempo ed esce dalla partita dopo un primo tempo che sembrava ripercorrere le orme di gara 1.

Hackett 7.5: se la Virtus ha qualche chance di stare in partita nel secondo tempo lo deve a lui. Solita difesa e tonnellate di falli subiti con esperienza e classe. 34 di valutazione.

Sampson 6: il suo lo fa, rubacchia anche un paio di canestri in una prova da salvare.

Weems 5: da lui ci si aspetta di più proprio a livello di coinvolgimento emotivo al match. Serve un impatto diverso nel prosieguo della serie.

Teodosic 6.5: quando serve lui c’è. Segna, crea per i compagni, anche se le proteste spesso sono eccessive.

Coridinier 5: impatto praticamente nullo.

 

Olimpia Milano

Melli 8.5: i falli lo limitano nel primo tempo, nel secondo domina senza mezzi termini il match e quando segna con costanza diventa qualcosa di semi illegale.

Grant 7.5: chi lo avrebbe mai detto? Partita pazzesca, canestri di pesantezza specifica assoluta nel momento più complicato con la solita grande difesa.

Rodriguez 6.5: gioca tanto nel primo tempo, amministra sempre con grande sapienza e gli manca solo il guizzo del canestro.

Ricci 5: non è la sua serie. Non c’è proprio e non riesce a dare neanche pochi minuti di contributo.

Biligha 6: il buzzer di fine primo quarto, qualche giocata intensa e va bene così.

Hall 5: partita piuttosto anonima. Si spende in difesa come sempre ma è pasticcione e impreciso in attacco.

Baldasso 6: quattro falli su Hackett che regalano un pericoloso bonus nel quarto periodo, ma una tripla cruciale.

Hines 6.5: si muove nelle pieghe della partita, ma come sempre fa tutto: rimbalzi, difesa, stoppate e leadership.

Bentil 6.5: minuti molto gestiti per lui, ma le triple iniziali e i rimbalzi sono molto importanti. Grande approccio.

Shields 7: impatto dominante, poi diminuisce il suo fatturato, ma la prestazione è notevole, con anche incavatura con Messina.

Datome 6.5: 12 punti in 17 minuti di esperienza e abitudini a questi palcoscenici. Non rientra nel finale solo perchè gli altri han fatto meglio.