Legabasket: Haynes saluta, il mercato della Reyer a un mese dal raduno

161

Smaltita la sbornia post festeggiamenti è tempo di rituffarsi sul mercato per la Reyer Venezia. Complici le campagne di rafforzamento di Milano che deve riscattare una stagione deludente e della Virtus Bologna che ha siglato il colpaccio Teodosic, la stagione 19/20 si preannuncia davvero interessante.

E i campioni d’Italia? Come stanno preparando la nuova stagione?

Si sa che i matrimoni si fanno in due ma la nostra intenzione è quella di riconfermare l’intero roster. Del resto è con questi giocatori che abbiamo vinto lo scudetto.

Sono le parole di Federico Casarin, il presidente dei veneziani, pochi giorni dopo quel 22 giugno che ha consegnato agli orogranata il quarto scudetto della propria storia, il secondo in 3 anni. E in effetti la strategia di Venezia è chiara: ripartire dagli uomini della scorsa stagione e migliorare – dove possibile – il roster. Lasciato fuori per l’intera serie playoff, Paul Biligha è destinato a lasciare Venezia. Troppe le frizioni tra il centro italiano e la società in sede di rinnovo del contratto. Nel suo futuro si vocifera ci sia Milano. Ma non è questa la novità più grande in casa Reyer.

Foto tratta dal profilo Facebook della Reyer Venezia

HAYNES, UN DIVORZIO DOLOROSO

La bomba di mercato è rappresentata dall’addio di Haynes. Dopo tre stagioni in cui il play texano ha conquistato due scudetti e una Fiba Europe Cup, la risoluzione del contratto con il sodalizio orogranata del 10 Luglio scorso ha sancito la fine del rapporto.
Capitan Quez – soggetto a numerose critiche nel corso dell’ultima stagione per prestazioni non sempre all’altezza della sua fama – lascia Venezia dopo essere entrato nel libro dei record del club: a novembre è diventato il miglior assist men della storia orogranata.

Foto tratta dal profilo Facebook Happy casa Brindisi

Il suo sostituto? La società sta lavorando per assicurarsi le prestazioni di Jeremy Chappell. Le difficoltà finanziarie della Scandone Avellino (nelle ultime ore sembra a rischio anche l’iscrizione in serie B) e il conseguente esodo dei suoi giocatori ha già portato in Laguna due pezzi da 90 come Ike Udanoh e Ariel Filloy. Ma potrebbe non finire qui. Detto della trattativa per Chappell, la Reyer Venezia mira anche alla firma di Luca Campogrande per completare il reparto degli italiani. Alla fine gli arrivi da Avellino potrebbero essere ben quattro.

Foto tratta dal profilo Facebook della Reyer Venezia

LE USCITE E LE SENSAZIONI A UN MESE DAL VIA

Dopo il mercato in entrata, la Reyer deve ora pensare a sfoltire il roster. Salutato Haynes e con Biligha in direzione Milano, è scontata l’uscita in prestito di Kizlink mentre la posizione di Marco Giuri sembra a rischio. Con ogni probabilità saluterà anche Dj Kennedy e si punterà sulla voglia di riscatto di Deron Washington, reduce da una stagione piuttosto complicata.

Manca meno di un mese al raduno, la prossima stagione non è così lontana. Gli uomini di De Raffaele sono chiamati ad una riconferma che si preannuncia davvero complicata. La sensazione è che i colpi di mercato delle rivali e il dispendioso impegno in EuroCup – sorteggio non benevolo per i veneziani – renderanno la vita parecchio difficile alla Reyer Venezia. Ma con i “Leoni” nulla è impossibile. I meccanismi perfettamente oliati di un roster guidato magistralmente da coach De Raffaele. La conferma dello zoccolo duro. La solidità di una società che anno dopo anno alza l’asticella sempre più in alto. La certezza è che anche quest’anno ne vedremo delle belle in Laguna.