Legabasket: il power ranking (aggiornato) di Backdoor

372
ranking
Fonte Instagram LBA

In attesa del posticipo del lunedì tra Pesaro e Reggio Emilia, continuiamo ad aggiornare gli equilibri del power ranking settimanale di Backdoor Podcast, divenuto ormai una consuetudine per quanto riguarda il campionato di Legabasket.

#1 Armani Exchange Milano (18-4)

Una Milano 2, e non il quartiere residenziale meneghino, inciampa contro un’avversaria più che credibile come Venezia, ma mantiene comunque il primato nel ranking. Il doppio turno di questa settimana è tutto ciò che conta al momento per la truppa di Messina.

#2 Happy Casa Brindisi (16-5)

Brindisi prima domina, poi soffre, ma regola Brescia nel lunch match della giornata. In attesa del tanto atteso ritorno di Harrison, Vitucci può godersi un Bostic molto in palla e un Darius Thompson sempre più stupefacente per rendimento.

#3 Virtus Segafredo Bologna (16-7)

Anche la Virtus, come l’Olimpia, ha la testa altrove in questo momento della stagione. Lo si nota in un derby in cui attende soltanto i minuti decisivi dell’ultimo quarto, per stringere le maglie in difesa e portare a casa la stracittadina numero 110.

#4 Banco di Sardegna Sassari (14-6)

Nell’anticipo del sabato, nonostante una situazione critica a livello di effettivi, considerando il focolaio di Covid abbattutosi sulla Dinamo, Sassari riesce comunque a regolare Cremona. Una bella notizia che si aggiunge alla fresca negatività del fondamentale Marco Spissu.

#5 Umana Reyer Venezia (14-8)

Venezia approfitta delle circostanze che distraggono la capolista per portare a casa i due punti, sebbene le vittorie delle altre squadre del top tier del nostro campionato, non permettano alla Reyer di scalare posizioni nel ranking.

#6 De’ Longhi Treviso (12-11)

Treviso ritrova Logan e regala un’altra rilevante prova delle proprie quasi illimitate potenzialità offensive, trovando una vittoria importante nella sfida per il sesto posto contro Trieste. Un plauso alla cruciale aggiunta di Michal Sokolowski.

#7 Allianz Pallacanestro Trieste (11-12)

Trieste cade al PalaVerde ma non perde terreno nel ranking. Dietro la lotta è così serrata che sembra che tutte vogliano retrocedere, ma anche che tutte non vogliano farlo. L’obiettivo per l’Allianz restano i playoff.

#8 Carpegna Prosciutto Pesaro (9-12)

Pesaro è attesa da un recupero in cui vincere comincia ad essere obbligatorio, l’avversaria è una Reggiana che è nel peggior momento stagionale e, quindi, nel miglior momento per affrontarla.

#9 Germani Brescia (9-13)

La sconfitta contro Brindisi ci ha detto che a questa Brescia manca qualcosa per stare con le grandi, ma coach Buscaglia dovrà cercare di massimizzare le possibilità di successo di un roster che ha qualche limite evidente. La voglia di Kalinoski un punto su cui proseguire.

#10 Openjobmetis Varese (8-14)

Quando Toney Douglas è in giornata Varese dice la sua e spesso vince, tale tesi è stata confermata anche nella sfida a Trento. Dopo la vittoria interna, l’Openjobmetis aggiunge ancora più pepe alla bagarre della seconda metà di classifica.

#11 Fortitudo Lavoropiù Bologna (8-14)

La Fortitudo fa molto più di quello che può, in un derby giocato e onorato con solo due americani a disposizione. Non è però una di quelle partite su cui basarsi per ripartire: un match troppo particolare per un’infinita serie di motivi.

#12 Vanoli Basket Cremona (8-15)

E dopo aver sprecato ed essere stata sfortunata, adesso la Vanoli si trova in una posizione di classifica piuttosto scomoda, pur essendo stata una delle formazioni che più ha convinto sul piano del gioco fin qui. Importante concretizzare già dalla prossima contro Reggio.

#13 Acqua San Bernardo Cantù (7-15)

Cantù riposa e si guarda intorno, osservando le concorrenti di una bagarre salvezza, resa ancora più intrigante dal fatto che non si sappia effettivamente se qualcuna scenderà davvero o meno.

#14 Dolomiti Energia Trento (8-14)

Trento è il ritratto dell’incostanza: una convincente vittoria contro Brescia, spazzata via da una prova opaca al cospetto di Varese una giornata dopo. L’Aquila deve trovare la via della continuità se vuole risalire la china in classifica e nel ranking.

#15 UNAHOTELS Reggio Emilia (7-15)

Reggio è l’altra protagonista del posticipo del lunedì, alla disperata ricerca di una vittoria e di qualche certezza, dopo l’eliminazione in Europe Cup che certifica il momentaccio dell’UNAHOTELS.