LegaBasket: la Virtus schianta in casa Brindisi, le pagelle

250
Virtus

La Virtus Bologna ospita in casa una Happy Casa Brindisi in cerca di riscatto dopo l’imbarazzante sconfitta contro Pesaro. I felsinei arrivano da una prestazione convincente contro l’Efes che ha rilanciato le aspettative dei tifosi riguardo la stagione in EuroLega.

Il primo quarto inizia con una Virtus che esegue benissimo quanto pattuito, mentre Brindisi segna a fatica e difende malissimo. Fino a più di metà quarto la partita è abbastanza equilibrata, poi Brindisi si spegne e perde le percentuali dalla lunga, mentre la Virtus trova facilmente gioco offensivo. Il primo quarto termina 32-19. Dopo i primi 10 minuti ed il +13 della Virtus la partita si può considerare finita. La Virtus continua a trovare gioco con una buona continuità, Brindisi mette in campo l’atteggiamento di chi la partita l’ha già persa prima del fischio nella propria testa. Finisce 98-68.

Virtus Bologna

Pajola N.G.

Lundberg 6,5: fa il suo, non forza e lascia i riflettori ad altri giocatori, giusto in serate del genere, soprattutto considerando il doppio turno EuroLega affrontato in settimana.

Mickey 6,5: gioca una solida partita alla Mickey, limita bene Perkins e si adegua al ritmo di un match che vede 30 minuti di garbage time.

Weems 7: è molto intelligente a capire che in queste partite deve essere lui a togliere carico atletico dalle spalle dei compagni con tanti minuti in EuroLega e lo fa fin dai primissimi minuti. 15 punti e 6 rimbalzi per lui.

Belinelli 6,5: come per Weems anche il Beli era chiamato a performare al meglio per consentire riposo a giocatori più utilizzati. Il campione NBA risponde con 16 punti ed il 50% da tre punti.

Bako 6: fa il suo e resta molto controllato in una partita che non necessità di lui.

Cordinier 6: vedi sopra. 11 punti, 3 rimbalzi e diversi highlights.

Hackett 6: anche lui non ha bisogno di rendersi protagonista del match, anche e soprattutto grazie a Mannion. Mette a referto comunque 7 rimbalzi e 5 assist.

Jaiteh 5,5: riesce a mettere in risalto i propri limiti anche in una partita come questa.

Mannion : gestisce bene la squadra, diverte e si diverte e regala ai tifosi probabilmente la sua migliore prestazione in maglia Virtus Bologna. Chiaro che il matchup aiuta, ma questi 15 punti, 3 rimbalzi e 5 assist sono qualcosa da cui partire.

Camara s.v.

Happy Casa Brindisi

Burnell 5,5: non prende la sufficienza soltanto perché nessuno la merita in una partita approcciata in questa modo. Tuttavia è l’unico (insieme a Burnell) che ci prova quando ancora i possessi hanno un valore e che si impegna anche difensivamente.

Reed 4: un realizzatore che si impegna poco a livello difensivo che realizza solo 7 punti con 0/4 dalla lunga.

Bowman 5,5: forse il migliore per atteggiamento, soprattutto nei primi minuti. Gioca bene difensivamente ed è l’unico che rientra in campo a livello offensivo nel terzo quarto. L’1/6 al tiro dalla lunga è sicuramente negativo ma non inaspettato.

Mascolo 5: l’idolo della tifoseria ci prova, ma stasera nemmeno lui è troppo presente in campo. Sono comunque 8 punti, 4 rimbalzi e 5 assist.

Mezzanotte 4,5: uno dei pochi positivi contro Pesaro, oggi si perde anche lui.

Riisma 5,5: è lui che chiama la carica, nonché il miglior realizzatore dei suoi. 12 punti e 5 rimbalzi in una prestazione che vale molto a livello personale ma che purtroppo capita in una serata funesta.

Bayehe 4,5: non è di certo lui che può dire la sua in una serata del genere, e infatti non lo fa.

Perkins 4: è l’esempio pratico della partita dell’Happy Casa. 9 punti, quasi completamente realizzati nel primo quarto, poi il vuoto. 5 rimbalzi e 2 assist fanno compagnia a 4 palle perse e 2 stoppate subite. Voto simbolico in quanto incarnazione della squadra per una prestazione che comunque non si avvicina nemmeno alla sufficienza.

Dixson s.v.