Legabasket: Milano espugna il Palaverde grazie ad un grande Mitrou-Long, le pagelle

277

Milano riscatta parzialmente la pessima settimana in Eurolega e torna alla vittoria espugnando il Palaverde per 80-93. Troppa Olimpia per gli uomini di Marcelo Nicola, che provano a rimanere aggrappati al match con un Adrian Banks sugli scudi. Già nel primo quarto Milano prova la fuga volando sul +16, ma due triple di Treviso mantengono i padroni di casa in vita. Un gancio di Simioni permette ai biancocelesti di avvicinarsi a -5 (32-37), ma la fiammata di Milano e la tripla sulla sirena di Hall portano gli ospiti all’intervallo lungo sul 36-45. Le bombe di Mitrou-Long fanno volare l’Olimpia sul +15 nel terzo periodo, ma Iroegbu e Banks accorciano nuovamente sotto la doppia cifra di svantaggio. Arriva dunque nell’ultimo periodo l’accelerata decisiva degli ospiti, prima con un gioco da 4 punti del rientrante Baron, poi con altre due triple consecutive del numero 3 di Milano che chiude la contesa sul 72-93, prima della reazione d’orgoglio della Nutribullet.

Nutribullet Treviso Basket

Banks 7: se Treviso rimane a lungo in scia di Milano buona parte del merito è da attribuire a Banks, autore di 23 punti con il 70 % dal campo. Pecca di lucidità in alcune scelte, perdendo qualche pallone di troppo (5).

Iroegbu 6: prova a suonare la carica con due fiammate offensive, cercando di limitare i diretti avversari il più possibile in difesa. Bravo a rimanere in partita dopo i due rapidi falli commessi nel primo periodo.

Sarto 6: entra con buona personalità, non demerita nei 12 minuti a lui concessi.

Zanelli 5.5: due triple e poco altro nell’economia del match, fatica ad imporre la consueta grinta in difesa.

Jurkatamm 5: sottotono, subisce regolarmente il primo passo degli avversari nella propria metà campo, dove solitamente riesce a diventare un fattore.

Sorokas 6.5: porta una ventata d’aria fresca ad una Treviso abulica, non sempre in modo elegante ma spesso efficace.

Cooke Jr. 4: esce rapidamente per due falli nel primo quarto, ma non prima di aver iniziato la serata con uno 0/2 in lunetta, poi trasformato in uno 0/6 a fine match. In difficoltà dal primo all’ultimo minuto.

Jantunen 4.5: contrariamente ad Iroegbu, i problemi di falli lo estromettono dalla partita, ed il giovane finlandese fa ben poco per rientrarci.

Sokolowski 5: forse per grinta e carattere il migliore di TVB, ma non bastano se non associate ad un tabellino significativo, soprattutto con un 2/9 dal campo ed un pesante 3/7 ai liberi.

Simioni 6.5: Davies è di un’altra categoria, ma il centro della Nutribullet prova a giocarsela con le sue armi segnando 7 punti con una tripla e due bei canestri nei pressi del pitturato.

Emporio Armani Milano

Davies 7.5: innervosito da un colpo subito al volto, risponde con i canestri che chiudono la pratica nel quarto periodo in cui colleziona 10 dei 18 punti di serata.

Thomas 6: entra e infila in rapida successione due triple, poi non vede più il campo.

Luwawu-Cabarrot 6: fatica ad arginare Banks, più per meriti dell’avversario che per demeriti personali. Compensa con un buon lavoro a rimbalzo (6+2).

Mitrou-Long 8: gestisce quasi alla perfezione i ritmi del match sia quando tenta l’azione personale, sia quando si mette a disposizione dei compagni. Elimina ogni problema sul nascere con due triple nell’ultimo periodo per scavare il solco decisivo.

Melli 6: reduce dalle fatiche europee si limita al compitino, ma basta e avanza per ottenere la sufficienza.

Baron 7: cecchino, tre triple in poco più di dieci minuti, distribuite in momenti importanti della partita. Un rientro che lascia ben sperare.

Ricci 5: forse tra quelli che più ha risentito della settimana piena di impegni per l’Olimpia.

Biligha 6: entra con la consueta energia, trovando subito un canestro in acrobazia. Tanto lavoro al servizio della squadra.

Hall 6.5: meno appariscente di altre uscite, lascia il palcoscenico ad un Mitrou-Long in grande serata. Chirurgico nelle scelte quando serve, soffre tanto in difesa, uscendo per falli.

Baldasso 6: un paio di perse, una tripla e poco altro in 20 minuti.

Alviti 5.5: buon impatto sul match nel primo tempo, svanisce nella ripresa.