Legabasket: Milano non trema e batte Pesaro, le pagelle

423
Pesaro Milano

La partita tra Pesaro e Milano si apre con i padroni di casa che lottano cercando di limitare il dislivello fisico e le due squadre si trovano sul 7 pari dopo 5 minuti con tanti errori da entrambe le parti.
Il quarto prosegue con un vero e proprio botta e risposta da parte delle due formazioni e, anche se le percentuali risultano essere molto basse, Pesaro, sul finale, prova ad allungare sfruttando i falli degli ospiti riuscendo a chiudere la prima frazione di gioco 18-11. 

Il secondo quarto ha inizio con Pesaro che continua a provare a costruire il proprio vantaggio sfruttando le triple di Cheatham, ma l’Olimpia Milano con Baldasso, Melli e Voigtmann resta agganciata alla partita e, a 5 minuti dalla fine con un 0-10 di parziale. si porta in vantaggio con un canestro di Thomas.
I padroni di casa però non mollano e con 6 punti in fila si riportano in vantaggio.
Le squadre vanno all’intervallo lungo sul 39-41 con Pangos che allo scadere segna la tripla del +2 per Milano.

La seconda metà della partita si apre con Milano che sfrutta le proprie qualità fisiche e, con Melli, aumenta il proprio vantaggio portandosi sul +9 con un punteggio di 46-55.
Le due squadra lottano per tutta la durata del quarto ma Milano continua a guadagnare vantaggio grazie ad un Baldasso in grande spolvero e a qualche errore di troppo da parte dei pesaresi; il quarto si chiude 51-66 con Milano che definitivamente prende un ampio vantaggio su Pesaro.

Il quarto quarto è caratterizzato da una Milano che gestisce ed amplia il suo vantaggio spegnando sul nascere tutte le fiammate di Pesaro che fatica enormemente nella costruzione di gioco e termina l’incontro perdendo 71-85.

 

VICTORIA LIBERTAS PESARO

Kravic 5: partita incolore per il lungo pesarese che non brilla mai durante l’incontro.

Abdur-Rahkman 6: si conferma l’arma principale nell’attacco di Pesaro, ma anche lui oggi contro Milano ha faticato non riuscendo sempre ad essere continuo.

Visconti 6,5: nonostante l’evidente differenza con gli avversari non molla mai ed è l’ultimo ad arrendersi allo strapotere degli ospiti.

Moretti 6: prova a costruire e a segnare e finché Milano non preme sull’acceleratore riesce a mettere in luce le sue qualità, ma quando Pesaro cala anche lui fatica a ritrovare ritmo.

Stazzonelli n.e.

Mazzola 4: in campo appare svogliato e senza energia. Il suo contributo è nullo sia in attacco che in difesa in quella che è, al momento, la sua peggior prestazione.

Gudmundsson 5: partita d’esordio in maglia Pesaro dove non è riuscito a mettersi in luce e a imporsi in campo risultando spesso fuori dagli schemi.

Charalampopoulos 6: 14 punti in 17 minuti per il greco che ha giocato una partita di alti e bassi sia in attacco che i difesa dove ha sofferto i pari ruolo avversari che gli hanno fatto commettere in poco tempo i primi 2 falli.

Totè 5: fatica in campo e litiga con i tiri liberi segnandone solo 1/6 in un incontro dove non è mai riuscito davvero a ritagliarsi il suo spazio in campo.

Cheatham 6: ad inizio incontro mette in luce le sue qualità, ma cala trovando il canestro sempre con maggior fatica fino all’uscita per 5 falli che conclude una partita dove non sempre era riuscito a farsi notare.

 

OLIMPIA MILANO

Davies 6,5: sotto canestro e dalla lunetta si conferma un giocatore sempre utile e capace di impensierire gli avversari che non sempre sono riusciti a limitarlo.

Thomas 6,5: sfrutta il suo fisico in attacco dimostrandosi un giocatore molto importante e utile in questa partita dove la differenza di fisicità è stata un fattore determinante.

Mitrou-Long 6: gioca poco perchè è appena rientrato da un infortunio ma quando viene chiamato in campo riesce a dare il suo contributo.

Pangos 7: si conferma un giocatore capace di segnare e di costruire tenendo sempre la difesa di Pesaro impegnata.

Melli 7,5: oggi è stato probabilmente il migliore in campo, è riuscito a mettere in luce tutte le sue qualità sia in attacco che in difesa, dimostrandosi pericoloso sia vicino al canestro che dalla distanza.

Ricci 6: gioca meno di 10 minuti nei quali parò mette a segno 5 punti e porta il suo contributo.

Biligha s.v.: resta troppo poco sul parquet per essere valutato.

Hall 6,5: parte titolare e chiude l’incontro come miglior assistman dell’incontro conferma che, anche se ha segnato “solamente” 5 punti, il suo contributo nel match di oggi è stato consistente.

Baldasso 7: gioca 16 minuti nei quali mette a referto 13 punti tirando 4/7 da 3 e segna alcuni canestri decisivi per prendere il largo e guadagnare vantaggio.

Alviti s.v.: resta troppo poco sul parquet per essere valutato.

Datome 6: non la migliore prestazione per il giocatore italiano che fatica ad entrare dentro all’incontro e a trovare continuità commettendo inoltre qualche fallo forse troppo ingenuo.

Voigtmann 6: sotto canestro fa valere le sue qualità fisiche riuscendo ad imporsi nella lotta a rimbalzo e complicando la vita ai giocatori di Pesaro.