Legabasket: Napoli domina la Dinamo Sassari, le pagelle

128
Legabasket: Napoli domina la Dinamo Sassari

Toccando anche i 23 punti di vantaggio, Napoli strapazza per tre quarti la Dinamo Sassari, poi controlla il ritorno degli uomini di Piero Bucchi e fa suo un successo vitale per il prosieguo del campionato. Sugli scudi Elijah Stewart, autore di 22 punti con 4/5 dalla lunga distanza, e Jacorey Williams: doppia doppia da 16 punti e 10 rimbalzi per l’ex Trento. Per la Dinamo ci sono 15 punti di Gentile.

GeVi Napoli

D. Michineau 6,5: il suo primo passo è una certezza, forza qualche giocata di troppo e viene trattato con severità dai direttori di gara, esce per falli nel finale.

J. Howard 6: inizia in sordina per poi crescere alla distanza e mettere il suo zampino nei momenti migliori di Napoli.

N. Dellosto 7: Pancotto gli dà l’opportunità di partire in quintetto, l’ex Ferrara risponde con intensità e dinamismo che gli valgono anche un bel canestro quando arriva a rimorchio di Williams.

D. Davis 7,5: stavolta non incorre in problemi di falli e sfodera una prestazione di livello importante. 14 punti e 7 rimbalzi, alcuni dei quali di puro agonismo.

J. Williams 7: ennesima doppia doppia della stagione, si fa notare anche difensivamente rubando palla con rabbia. È la cosa più bella che fa, poi fa pure canestro nella stessa azione.

J. Young 6: di stima e per la gestione degli ultimi 2′ che trascorrono tranquilli per Napoli grazie a lui. I punti arriveranno.

L. Uglietti 6,5: ancora convalescente dall’influenza, ringhia su qualsiasi cosa abbia l’ardire di muoversi sul parquet, forzando varie palle perse, anche se non finiscono sul suo tabellino.

E. Stewart 8: improvvisamente ricompare il giocatore che aveva impressionato a Cluj. Sfacciato, mortifero, si concede anche un pizzico di trash talking con Gentile.

S. Zanotti s.v.: entra, sbaglia una tripla, non vede più il campo.

A. Zerini 6: si concentra nell’apporto difensivo, agendo in entrambe le posizioni del front court. Appare con tigna anche sotto il tabellone avversario.

Banco di Sardegna Sassari

C. Dowe 5,5: fa la sua comparsa a secondo tempo inoltrato, dopo aver fatto sentire la mancanza di Robinson abbastanza a lungo.

F. Kruslin 6: ogni tanto mette il canestro pesante, può poco quando Napoli mette la freccia e scappa.

J. Jones 7: per larghi tratti è il migliore dei suoi, anche se la serata al tiro non è delle migliori.

E. Bendzius 7: se gli lasci un metro è una sentenza, poco da fare. Il primo quarto è suo, poi Napoli prende qualche misura in più e lo limita.

D. Stephens 5,5: i numeri non gli darebbero nemmeno tanto torto, il duello straperso contro Williams sì.

M. Chessa s.v.: si vede poco in quella che è stata casa sua per una stagione.

O. Diop 4: appena 8′ in campo in cui diventa nebbia, non certo accettabili per uno dei migliori giovani del campionato.

S. Gentile 7: saranno i cori contro dei tifosi di casa (lui casertano di nascita), sarà che è sostanzialmente vicino a casa, prova a rivitalizzare i suoi uscendo dalla panchina.

K. Treier 6: prova a metterci verve, trova anche due triple quando è pescato sul mezzo angolo, difesa e rimbalzi non pervenuti.

G. Devecchi s.v.: come Abe Simpson che entra ed esce dal casinò.

T. Raspino n.e.

L. Gandini n.e.