Legabasket: Trento la spunta su Treviso per i primi punti di stagione, le pagelle

231

Esordio stagionale in casa alla BLM Group Arena per la Dolomiti Energia Trento. La squadra di Lele Molin vuole confermare quanto di buono fatto vedere settimana scorsa cercando di conquistare i due punti, mentre la Nutribullet Treviso deve riscattare la brutta sconfitta rimediata contro Reggio Emilia al primo turno.

Nei primi dieci minuti di gioco, entrambe la squadre iniziano con un passo incerto. Molti errori da una parte e dall’altra e tanta confusione, con Flaccadori a suonare la carica per i padroni di casa mentre gli ospiti si fanno sentire a rimbalzo. Il primo quarto si conclude sul 17-15 per l’Aquila.

All’inizio del secondo quarto Trento prova una piccola fuga sul +6, sfruttando le troppe palle perse degli avversari e cercando di alzare il ritmo del gioco. Per la Nutribullet si scalda Adrian Banks, che dopo un inizio disastroso segna un paio di canestri dei suoi. A fine primo tempo tuttavia l’Aquila rimane in vantaggio, e va negli spogliatoi avanti 33-26. Brutte percentuali da fuori per entrambe le squadre, ma a fare la differenza sono proprio le palle perse di Treviso (10) e recuperate da Trento (8).

La gara riprende e lo spartito non cambia. Gli attacchi faticano terribilmente a trovare continuità, e anche quando Trento sembra poter trovare l’affondo decisivo i canestri di Sokolowski riportano Treviso a contatto. L’Aquila continua a non segnare dall’arco (1/13), mentre Treviso può dirsi leggermente più soddisfatta (5/17). Si entra così negli ultimi dieci minuti con il punteggio sul 47-43.

L’ultimo quarto è a tinte bianconere, con l’Aquila che finalmente riesce a prendere le distanze dagli avversari e mantenerle fino al termine della gara. Merito della fisicità messa in campo da Molin, con Atkins e Lockett sugli scudi. La seconda tripla del match della Dolomiti è di Drew Crawford, a 2 minuti e mezzo dalla fine, e sancisce il +11 di Trento e la sua vittoria. Punteggio finale 66-57.

 

Dolomiti Energia Trento

Flaccadori 7: è per distacco il giocatore più talentuoso della partita e si vede. Primo tempo da manuale, nel secondo cala ma il suo contributo rimane fondamentale.

Grazulis 5.5 : passo indietro rispetto all’ottimo esordio, segna due triple importanti ma fa molta più fatica sotto canestro.

Atkins 6: molto meglio quando riesce a ricevere in modo dinamico piuttosto che in post basso o da fermo, segna canestri importanti negli ultimi dieci minuti. Da non sottovalutare le doti da passatore.

Lockett 6-: prova a far sentire il proprio fisico agli avversari e nell’ultimo quarto ci riesce, anche se ancora deve capire bene il proprio ruolo. L’attacco uno contro uno non è proprio il suo pane quotidiano.

Crawford 6.5: molto delle sorti della stagione di Trento passerà tra le sue mani. Stasera è stato positivo soprattutto off the ball, ma il suo apporto dovrà decisamente essere maggiore nel futuro (anche dalla distanza).

Forray 5: non riesce a dare la sua consueta scossa dalla panchina e chiude con un 0/7 dal campo.

Udom 5: prova qualche ribaltamento di lato decisamente non alla sua portata e stecca al tiro da tre.

Conti 5.5: nella prima metà di gara dà incoraggianti segnali di crescita anche in attacco, ma il suo contributo si ferma lì.

Dell’Anna ne

Zangheri ne

Morina ne

Calamita ne

 

Nutribullet Treviso

Iroegbu 4: serata assolutamente incolore, e questo non può capitare per al giocatore che dovrebbe essere il go-to-guy di questa squadra.

Zanelli 5: si fa notare per qualche buona giocata in difesa e le 2 steals lo testimoniano, ma in attacco non trova mai la via del canestro.

Jantunen 5+: il talento c’è e si vede dal suo senso della posizione e i movimenti in post, sicuramente uno dei più positivi tra i suoi soprattutto nell’ultimo quarto.

Sorokas 4.5: sembra il lontano parente del giocatore di Varese. Malissimo nelle scelte e poco consistente in fase realizzativa.

Banks 5-: anche per lui una partita da fantasma. Nel secondo quarto dà una spinta alla squadra attraverso un paio di canestri dei suoi, ma si ferma lì.

Sokolowski 5.5: in alcuni momenti fa vedere l’ottimo giocatore che è e nel terzo quarto dà qualche speranza di rimonta e vittoria a Treviso.

Cooke 4.5 : voto molto negativo soprattutto per la prova insufficiente in difesa, dove perde l’uomo qualche volta di troppo. Anche in attacco il suo contributo non eccelle per usare un eufemismo.

Vettori ne

Jurkatamm 5: gioca solo 7 minuti, ma forse sarebbe valsa la pena dargli qualche chance in più vista l’inconsistenza di tutto il reparto esterni.

Faggian ne

Sarto ne

Simioni sv