Legabasket: un Logan stellare porta Scafati alla salvezza, a Brescia non basta un gran terzo quarto, le pagelle

354

Sfida molto importante per entrambe le squadre con una posta in gioco altissima: per i padroni di casa è la salvezza, per gli ospiti sono i playoff. Dopo un primo tempo equilibrato caratterizzato da due attacchi particolarmente prolifici nel terzo quarto la Germani ha spinto sull’acceleratore andando anche sul +17 per poi crollare inspiegabilmente nel quarto finale e cedere il passo ad un Logan scatenato. Scafati batte Brescia 92-88.

Givova Scafati

Stone 6: buon lavoro in difesa su Della Valle, in attacco distribuisce assist ma non la mette mai. Costretto ad uscire per un infortunio a metà del terzo quarto.

Okoye 5,5: non particolarmente brillante, non si rende mai pericoloso.

Sangiovanni n.e.

Mian n.e.

Hannah 6: crea per sé e per gli altri anche se non è troppo continuo nell’arco del match.

Pinkins 7: finalizza con giocate ad alta quota, gran partita la sua.

De Laurentiis 6: non riempie il tabellino ma è comunque prezioso.

Rossato 6,5: tra le sorprese più belle di questa Scafati, dimostra per l’ennesima volta di valere la massima serie, lotta come un leone.

Imbrò 5,5: una tripla e poco altro da segnalare per l’ex Treviso.

Thompson 7,5: fa le onde dal midrange e nel pitturato.

Tchintcharauli n.e. 

Logan 9,5: il professore dimostra per l’ennesima volta la sua immensa classe giocando una partita ai limiti della perfezione. 30 punti con 7/10 dall’arco e 31 di valutazione. MVP.

 

Germani Brescia

Gabriel 6: buon inizio nel quale è sempre pronto ad armare la mano con le sue triple, si vede poco nella parte centrale del match e combina poco anche nel finale.

Nikolic 6: porta tanta energia e pressione sulla palla. 

Della Valle 5: soffre un po’ la fisicità della partita, è comunque abile a lucrare falli e a convertire ma non riesce mai veramente ad incidere.

Caupain 7: inizio complicato, poi sale di livello mettendo canestri ad altissimo coefficiente di difficoltà dando l’impressione di non doversi nemmeno sforzare troppo.

Petrucelli 6,5: difesa, triple e soluzioni personali, altra buona prova per l’italoamericano.

Cobbins 6,5: highlight della partita è il suo poster ai danni di Imbrò, tante buone cose.

Odiase 7: ottimi roll, gioco in post e stoppate, a parte il finale prestazione convincente.

Burns 6,5: bravo ad allargare il campo, gioca sia da 4 che da 5 e sa farsi trovare pronto.

Laquintana s.v. 

Cournooh 6: prestazione balistica importante e contribuisce nel playmaking.

Moss 5,5: parte sorprendentemente in quintetto, ci prova ma la buona volontà non basta.

Akele 5,5: gioca 6 minuti piuttosto anonimi.